Juraj Valcuha

Concerti RSI 2016/2017 - OSI al LAC

Rete Due, giovedì 12 gennaio, 20:30

lunedì 02/01/17 15:05 - ultimo aggiornamento: lunedì 02/01/17 15:05

Concerti RSI 2016-2017 – OSI al LAC – Giovedì 12 gennaio 2017 ore 20.30, in diretta su Rete Due

Teatro LAC Lugano Arte e Cultura

Orchestra della Svizzera italiana

Direttore Juraj Valčuha

Solista Antoine Tamestit, viola

Musiche

Maurice Ravel                                   Pavane pour une infante défunte

Bohuslav Martinů                             Rhapsody Concerto per viola e orchestra

Wolfgang Amadeus Mozart               Sinfonia n. 38 in re maggiore Praga

Dopo la spumeggiante prima del Concerto di San Silvestro al LAC di Lugano, l’Orchestra della Svizzera italiana riprende – il prossimo giovedì 12 gennaio alle ore 20.30 nella Sala Teatro del LAC a Lugano – il proprio percorso nella stagione dei Concerti RSI. Sul podio a dirigere l’orchestra salirà il maestro slovacco Juraj Valčuha, appena quarantenne, ma vero e proprio astro nascente dell’arte interpretativa europea, che da poco è stato nominato direttore musicale del Teatro San Carlo di Napoli.

Il programma –che sarà trasmesso in diretta radiofonica da RSI Rete Due- prevede la raffinata e intensa Pavane pour une infante défunte, scritta a inizio Novecento da un giovanissimo Maurice Ravel, e la spumeggiante Sinfonia n. 38 in re maggiore Praga composta da Wolfgang Amadeus Mozart per l’allora Teatro degli Stati (oggi Teatro Nazionale) della capitale boema. Tra le due pagine sinfoniche ci sarà infine spazio per Rhapsody, il concerto per viola e orchestra del compositore ceco Bohuslav Martinů. Opera realizzata a metà del secolo scorso – per uno strumento solistico relativamente inusuale quale la viola è –, si tratta di una composizione dai forti contenuti lirici ed emotivi, che ha segnato una svolta in chiave neo-romantica dello stile espressivo del compositore.

Per interpretare questa pagina, tecnicamente molto esigente, salirà sul palco il violista francese Antoine Tamestit. Celebre per essere uno dei massimi virtuosi del proprio strumento, Tamestit ha sin qui condotto la propria giovane carriera accanto a musicisti del calibro di Gidon Kremer, Mischa Maisky e Frank Peter Zimmermann, ma anche in collaborazione particolarmente stretta con tre beniamini del Progetto Martha Argerich come Nicholas Angelich, Gautier e Renaud Capuçon.

Informazioni: www.rsi.ch/concertirsi

Prevedita biglietti in tutti i punti vendita Ticketcorner (LAC, FFS, Manor, Posta CH SA) e online www.ticketcorner.ch.

Inoltre anche alla cassa il giorno del concerto: OSI al LAC c/o Cassa LAC, Piazza Bernardino Luini 6, 6900 Lugano dalle 10.30 alle 19.00 (prevendita) e dalle 19.00 alle 20.45 (cassa serale).

JURAJ VALČUHA

Direttore principale dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai dal 2009 all’autunno 2016, dall’ottobre 2016 è direttore musicale principale del Teatro San Carlo di Napoli.

Nasce nel 1976 a Bratislava e inizia nel 2005 la sua carriera. È oggi richiesto alla guida delle più importanti orchestre: nella stagione 2015/2016 è ritornato a dirigere la New York e la Los Angeles Philharmonic, l'Orchestre Symphonique de Montréal, l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, i Münchner Philharmoniker, oltre che la Pittsburgh Symphony Orchestra, la San Francisco Symphony, la hr-Sinfonieorchester, la NDR Elbphilharmonie Orchester, la Philharmonia Orchestra e l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, con le quali è impegnato anche nel 2017. Quest’anno debutterà con la Chicago Symphony Orchestra e la Cleveland Orchestra e raggiungerà l’Orchestre National de France e l’Orchestre de Paris. Collabora inoltre regolarmente con la Gewandhausorchester di Lipsia, la Sächsische Staatskapelle Dresden, la National Symphony Orchestra di Washington, i Berliner Philharmoniker, l’Orchestra reale del Concertgebouw di Amsterdam, la Konzerthausorchester Berlin e i Wiener Symphoniker. In campo operistico si segnala nella stagione 2015/16 la direzione del Parsifal all’Opera di Budapest e di Jenufa a Bologna, mentre nel 2017 sarà impegnato con il Faust a Firenze, Peter Grimes a Bologna, Elektra e Carmen al San Carlo di Napoli.

ANTOINE TAMESTIT

Antoine Tamestit

 

Il violista francese si è distinto ai massimi livelli come solista ed è regolarmente richiesto in formazione cameristica e in recital. È acclamato per l’impareggiabile tecnica, per il suo profondo e naturale talento musicale, oltre che per la bellezza del suo suono, ricco, intenso e raffinato.

Il suo repertorio spazia dal barocco (per la viola ha arrangiato e registrato le Suites per violoncello di Bach) alla musica contemporanea. È impegnato in numerose prime esecuzioni di opere. Nella stagione 2015/16 si segnala la prima mondiale del Concerto per viola di Jörg Widmann con l’Orchestre de Paris diretta da Paavo Järvi, e le successive esecuzioni con l’Orchestra Sinfonica della Radio Svedese e con la Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks diretta da Daniel Harding. Suona in Trio con Frank Peter Zimmermann e Christian Poltera, con i quali ha registrato per Bis Records un Divertimento di Mozart e il Trio op. 9 di Beethoven. La sua importante discografia include inoltre per LSO Live Harold en Italie di Berlioz con la London Symphony Orchestra diretta da Valery Gergiev, per Naïve invece tre Suites di Bach, opere per viola sola e con orchestra di Hindemith, quest’ultime con la hr-Sinfonieorchester e Paavo Järvi. Suona una viola Stradivari del 1672, generosamente prestata dallo Stiftung Habisreutinger.

Comunicazione@rsi.ch

Lugano, 2 gennaio 2017

Vai al portale media RSI