Il ritorno di Patti chiari: Spesa contesa

LA 1, venerdì 15 settembre, 21:10. Replica: LA 1, sabato 16, 13:40; LA 1, lunedì 18, 8:30; LA 2, mercoledì 20 settembre, 12:00

mercoledì 13/09/17 15:01 - ultimo aggiornamento: mercoledì 13/09/17 15:01

SPESA CONTESA

di Chiara Camponovo, Riccardo Fanciola, Luca Marcionelli e Matteo Born

Una foto del conduttore di Patti chiari Lorenzo Mammone che acquista un melone in un grande magazzino italiano, poi pochi giorni dopo quella della presidente della Confederazione che riempie un carrello della spesa in un supermercato di Maccagno. Ed è scoppiata la polemica dell’estate: si è riacceso come non mai il confronto tra chi considera questo comportamento un atto che danneggia l’economia locale e chi lo ritiene una protesta del tutto legittima contro i prezzi alti in Svizzera perché, in un regime di libertà di commercio, favorisce la concorrenza.

Patti chiari torna sullo scottante argomento per raccontare le varie facce della spesa di confine. Dal confronto dei prezzi, che oggi con un franco più debole e con la pressione dei discount svizzeri rischia di non essere più cosi vantaggioso per la concorrenza italiana, alla qualità dei prodotti, in particolare frutta e verdura, fino alla beffa dei prodotti di marca, i cui prezzi sono studiati a tavolino per spennare il consumatore svizzero.

Ma è giusto pagare sempre prezzi gonfiati? Che fanno i grandi distributori e i commercianti per venire incontro alle esigenze dei consumatori svizzeri? Quanto davvero hanno abbassato i loro prezzi? Tante domande che non lasciano indifferenti chi è chiamato a dare risposte, dalla politica che sta studiando pratiche burocratiche più snelle per contrastare il turismo degli acquisti, ai commercianti che propongono franchigie più basse, 50 franchi contro i 300 di oggi, per chi entra in Svizzera con la spesa.

Patti chiari prova a vedere cosa succederebbe se questa proposta fosse accettata, dà voce ai turisti degli acquisti e a chi contesta questa pratica, fa i conti in tasca a supermercati, alle condizioni di lavoro e alla provenienza del loro personale (per una buona fetta frontalieri), e al potere d'acquisto dei ticinesi rispetto al resto della Svizzera, ma anche degli svizzeri rispetto ai consumatori degli altri Paesi europei. Tante informazioni per poter rispondere con più cognizione di causa all’interrogativo più spinoso: chi fa la spesa all’estero è un traditore della patria?

Il pubblico ha la possibilità di partecipare al dibattito

sul sito www.rsi.ch/pattichiari

su FB www.facebook.com/RSIpattichiari

su Twitter utilizzando #RSIpattichiari

scrivendo tramite WhatsApp al numero: 079 423 90 76

o di telefonare alla redazione:

  • il venerdì, durante la diretta
  • in generale, per segnalare le proprie testimonianze componendo lo 0848 03 55 55

 

Sottotitoli alla pagina 777 di Teletext

Vai al portale media RSI