In primo piano

Venerdì 09 marzo, 11:02

E' Pasqua, le proposte RSI

Dalla Passione di Bach al Culto dal Montebello

Sarà l’affascinante cornice del castello medievale di Montebello di Bellinzona ad accogliere il Culto pasquale di quest’anno diffuso in Eurovisione: la comunità evangelica della capitale ticinese ha infatti voluto riunirsi per la Pasqua di quest’anno nel cortile di uno dei tre castelli che dominano Bellinzona. Costruito verso la fine del XIII secolo, il suo aspetto attuale risale però agli ultimi decenni del Quattrocento quando i Visconti di Milano ampliarono una fortezza ormai quasi in rovina. Fa parte del grande dispositivo di mura e castelli che nel Medioevo fortificavano la città di Bellinzona, porta d’entrata e uscita dell’asse del passo del San Gottardo, una delle principali vie di comunicazione tra il nord ed il sud dell’Europa. Attualmente i tre castelli di Bellinzona f anno parte del patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.
Il culto di Pasqua sarà presieduto dal pastore Paolo de Petris che procederà pure alla predicazione. L’accompagnamento musicale sarà assicurato da due cori delle comunità evangeliche del Sopraceneri: infatti il coro Calliope di Locarno sarà affiancato dal Coro misto della comunità evangelica di Bellinzona. Il complesso corale sarà diretto da Esther Haarbeck. Gli intermezzi musicali saranno invece eseguiti, sempre nella cornice delle mura del castello, dal violoncellista Claude Hauri.

Domenica 8 aprile, 10.00, RSILA1
Dal Castello di Montebello di Bellinzona
Culto di Pasqua
Presiede il pastore Paolo de Petris
Partecipano il Coro Calliope di Locarno e il Coro Misto della comunità evangelica di Bellinzona diretti da Esther Haarbeck. Al violoncello Claude Hauri.

Passione secondo Matteo, venerdì 6 aprile, 21.05, LA 2

Grandiosa, solenne, mistica. È la Passione secondo Matteo di Johann Sebastian Bach che, registrata lo scorso anno nella chiesa di S. Maria degli Angioli a Lugano, sarà riproposta interamente nel circuito Eurovisione nella serata di venerdì 6 aprile alle 21.05 su LA 2. In molti ricorderanno la complessità e il successo dell’operazione che aveva coinvolto l’intera città proponendo anche su maxi-schermo le immagini del capolavoro bachiano riprese con la regia di Roberta Pedrini ai piedi del monumentale affresco rinascimentale di Bernardino Luini. La sera del Venerdì Santo il Coro della Radiotelevisione svizzera, I Barocchisti e l’Orquesta Barroca de Sevilla diretti da Diego Fasolis proporranno un’interpretazione che esalta, come raramente accade, le calcolate simmetrie dei sessantotto numeri che compongono l’oratorio di Bach caratterizzato da varietà e duttilità concertante, vigore espressivo e pregnanza simbolica. Una produzione firmata da Giovanni Conti.

Il Concerto del Venerdì Santo in San Nicolao a Besso

Due capolavori di J.S. Bach diretti da Diego Fasolis

Nuovo appuntamento davvero irrinunciabile venerdì 6 aprile alle 20.30 nella Chiesa di San Nicolao a Lugano Besso. Per introdurre le festività pasquali si ripropone la felice collaborazione organizzativa tra I Vesperali, Lugano Festival ed il tradizionale Concerto spirituale del Venerdì Santo. Un’occasione di meditazione musicale e di raccoglimento estetico che anche quest’anno – dopo il grande successo del 2011 con la Matthäus Passion– vede protagonista l’opera sacra di Johann Sebastian Bach.
Non, però, le magniloquenti composizioni sinfonico-corali bachiane, solitamente allestite per queste occasioni, bensì l a Messa in sol minore, BWV 235 e l’Oratorio di Pasqua BWV 249: due opere più raccolte e più discrete, che tuttavia conservano in nuce la vividezza rappresentativa delle loro “sorelle maggiori”.
L’interpretazione di queste magnifiche pagine è affidata a Diego Fasolis che – oltre al Coro della Radiotelevisione svizzera e all’ensemble I Barocchisti– dirigerà un cast di solisti d’eccezione: la soprano Doris Steffan-Wagner, il controtenore Patrick van Goethem, il tenore Martin Steffan e il basso Filippo Bettoschi.

Lo sapevi?

Link

RSI Radiotelevisione svizzera di lingua italiana, succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR logotipo