Il ministro britannico David Davis e, a destra, Michel Barnier, capo negoziatore europeo (keystone)

Brexit, secondo round

I colloqui a Bruxelles "ora entrano nel vivo", lavori fino a giovedì sugli obblighi Gran Bretagna-UE

lunedì 17/07/17 19:13 - ultimo aggiornamento: lunedì 17/07/17 21:11

I diritti dei cittadini, gli obblighi finanziari della Gran Bretagna nei confronti dell'UE, i problemi legati alla separazione e la frontiera in Irlanda del Nord: sono questi i nodi sul tavolo del secondo round negoziale per la Brexit, che ha preso il via lunedì a Bruxelles.

I colloqui "entreranno ora nel vivo delle questioni", hanno sottolineato il capo negoziatore europeo, Michel Barnier, e il ministro britannico David Davis prima dell'avvio dei lavori, che proseguiranno fino a giovedì. Fino ad allora, bocche cucite da parte della Commissione, almeno a livello ufficiale, sull'andamento dei negoziati.

Le divisioni interne al governo di Theresa May sulla linea da seguire — con il ministro delle Finanze Philip Hammond favorevole a una Brexit "soft", a maggior tutela dell'industria britannica, e il ministro degli Esteri Boris Johnson tra quelli orientati per un'uscita "hard" — sono tra i temi che preoccupano di più Michel Barnier, il quale nei giorni scorsi aveva dichiarato che "il tempo scorre velocemente".

ATS/px

Dal TG20:

TG 20 di lunedì 17.07.2017  

Seguici con