Ricostruire la città è un impegno per Renzi (Ansa)

Decretato stato di emergenza

Varato il provvedimento dal Governo italiano e stanziati i primi 50 milioni di euro per le aree colpite dal sisma

giovedì 25/08/16 21:36 - ultimo aggiornamento: venerdì 26/08/16 14:30

Stanziati dal Governo italiano i primi 50 milioni di euro per l'emergenza terremoto che ha colpito le Marche ed il Lazio nella nottata di mercoledì, con un bilancio di oltre 250 morti e 365 feriti ricoverati negli ospedali. Lo ha annunciato il premier Matteo Renzi giovedì sera al termine del consiglio dei ministri. "Pier Carlo Padoan si accinge a firmare il blocco delle tasse" nelle zone colpite dal sisma, ha continuato Renzi, indicando la decisione del ministro dell'Economia.

"Dobbiamo pensare alla ricostruzione, abbiamo un impegno morale con le donne e uomini di quelle comunità. La ricostruzione di quei borghi è priorità del governo e del Paese", ha aggiunto. Il presidente del Consiglio invita tutti ad un lavoro corale, senza divisioni politiche, con un progetto che non sia limitato alle emergenze. Un cenno è stato fatto anche sui finanziamenti,  "con i soldi che vanno spesi bene nel rispetto dei cittadini italiani, quanti soldi sono stati buttati via in passato e in questo senso il modello Anac può essere applicato anche nella ricostruzione".

"Non basta essere all'avanguardia dell'emergenza, ha chiosato, dobbiamo avere una visione per la "casa Italia" che sia capace di affermare la cultura della prevenzione, dobbiamo riuscire ad essere seri con noi stessi sulle bonifiche sul dissesto idrogeologico, sulle questioni infrastrutturali e su altri temi, dall'efficienza energetica alla diffusione della banda larga".

Ansa/sdr

Dal TG12.30:

TG 12:30 di venerdì 26.08.2016  

Seguici con