Immigrazione, i giudici della Corte Suprema danno ragione al presidente (keystone)

Immigrati, Trump vince a metà

I giudici della Corte Suprema degli Stati Uniti accolgono il ricorso del Governo sul decreto presidenziale anti rifugiati

mercoledì 13/09/17 06:34 - ultimo aggiornamento: mercoledì 13/09/17 06:47

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha dato il via libera, nella notte su mercoledì, ad un’applicazione più vasta del decreto anti immigrati voluto dall’amministrazione Trump. I giudici hanno quindi accettato il ricorso del Governo contro la decisione molto più restrittiva adottata la scorsa settimana dalla Corte d’appello di San Francisco.

Il tribunale californiano aveva affermato che i rifugiati presi a carico dalle agenzie che si occupano della loro sistemazione negli USA non avrebbero dovuto sottostare al divieto di entrata. Secondo il Dipartimento di giustizia così facendo gli USA avrebbero dovuto accogliere circa 24'000 nuovi rifugiati.

La decisione della Corte Suprema rappresenta una mezza vittoria per il presidente Donald Trump, in attesa della decisione dei giudici sulla costituzionalità del decreto presidenziale anti immigrazione, che vieta l’ingresso negli Stati Uniti dei viaggiatori provenienti da Iran, Siria, Libia, Somalia, Sudan e Yemen per 90 giorni e sospende l’arrivo della maggioranza dei rifugiati per 120 giorni.

ATS/Reuters/Swing

Seguici con