L'accordo prevede il trasferimento di 30'000 civili (keystone)

Ripartono i bus con i civili

Ad Aleppo sono giunte migliaia di persone rimaste bloccate dopo il tragico attentato di sabato

venerdì 21/04/17 15:56 - ultimo aggiornamento: venerdì 21/04/17 15:56

Le evacuazioni dei civili siriani dalle zone sotto assedio sono riprese dopo lo stop imposto dal disastroso attentato del 15 aprile, che ha ucciso oltre 130 persone. Migliaia di persone, riprese dalle telecamere della TV di Stato siriana, sono giunte in un sobborgo nei pressi di Aleppo, accolte dai loro famigliari e alloggiate in un rifugio temporaneo allestito dalle forze filogovernative.

I profughi giungono, infatti, dai villaggi di Foua e Kfarya, da due anni sotto assedio da parte dei ribelli. I trasferimenti fanno parte di un più ampio accordo tra le fazioni in lotta, che coinvolge 30'000 civili provenienti da aree sia governative, sia controllate dagli avversari.

Un’impresa gigantesca, la cui riuscita è minata dai continui scontri a fuoco e dall’inserimento nel patto d’intesa anche dello scambio di centinaia di prigionieri di guerra.   

ap/reuters/mamo

Seguici con