Il centro per richiedenti l'asilo di Embrach, teatro dell'aggressione (keystone)

Condannata per le coltellate

Pena di 18 anni di prigione per una richiedente l'asilo che aveva accoltellato una collaboratrice del centro di Embrach

martedì 12/09/17 20:00 - ultimo aggiornamento: martedì 12/09/17 20:02

Una richiedente l'asilo di 36 anni, proveniente dalla Costa d'Avorio, è stata condannata a 18 anni di prigione e riconosciuta colpevole di tentativo di assassinio per aver ferito gravemente nel novembre del 2015 una collaboratrice del centro d'accoglienza di Embrach, nel canton Zurigo, con una lama.

La donna è stata allontanata dall'aula del tribunale nel corso del dibattimento, dopo essersi mostrata poco collaborativa e aver interrotto più volte il procuratore.

Secondo la ricostruzione dei fatti dell'accusa, l'imputata ha colpito 20 volte la sua vittima con una specie di machete e ha poi versato benzina sul corpo. In seguito si è data alla fuga ed è stata arrestata qualche ora più tardi.

ATS/sf

Seguici con