Lo stabilimento di Ecublens (keystone)

Thermo Fisher, niente intesa

La bozza di accordo è stata rifiutata dalla direzione statunitense della ditta. Lo sciopero dei lavoratori di Ecublens proseguirà

venerdì 21/04/17 17:14 - ultimo aggiornamento: venerdì 21/04/17 17:22

Lo sciopero indetto mercoledì dai dipendenti della Thermo Fisher di Ecublens (VD) proseguirà lunedì. Il motivo dello scontento generale è la parziale delocalizzazione dell'azienda nella Repubblica Ceca, che tocca 106 dei 165 impiegati.

La bozza di accordo presentata dai lavoratori è stata rifiutata "in blocco e senza spiegazioni" dalla direzione statunitense della società specializzata nella fabbricazione di spettrometri a emissione ottica e raggi x. Lo ha dichiarato venerdì il sindacato UNIA. Da qui la decisione di proseguire con la protesta.

I dipendenti - per arrivare a un compromesso - chiedevano i documenti necessari per poter formulare delle proposte alternative (atte al mantenimento degli impieghi a Ecublens), la partecipazione di UNIA alle negoziazioni e una proroga delle consultazioni.

ATS/CaL

 

Seguici con