Il locale dove si sarebbe dovuto tenere il concerto (TiPress)

Bello Figo, petizione in marcia

L'appello contro l'intolleranza lanciato giovedì dalla Gioventù Socialista ha già raccolto oltre trecento adesioni

venerdì 19/05/17 16:06 - ultimo aggiornamento: venerdì 19/05/17 16:19

Ha già raccolto oltre trecento adesioni "l’appello per la libertà e contro ogni forma di autoritarismo" lanciato, giovedì, dalla Gioventù Socialista, dopo l’annullamento del concerto del rapper Bello Figo Gu a causa dell'affissione, presso il club WKND, di un volantino intimidatorio.

Tra i primi firmatari diverse associazioni e varie personalità tra cui don Gianfranco FelicianiNatalia Ferrara, Marina Carobbio e Raoul Ghisletta.

Lo scopo di questa sottoscrizione, come ha confermato la stessa associazione in una nota, è quello di prendere una netta posizione contro quanto avvenuto, organizzando una manifestazione in opposizione a queste "minacce di stampo autoritario".

AnP

Seguici con