Nidesh Lawtoo-Succetti

Homo Mimeticus

Incontro con Nidesh Lawtoo, di Michela Daghini

LASER
Lunedì 20 marzo 2017 alle 09:00
Replica alle 22:35

 

Nidesh Lawtoo è originario della Mesolcina, ha fatto il liceo a Bellinzona e, dopo la laurea in lettere a Losanna si è trasferito a Seattle per il dottorato in letteratura comparata all'Università di Washington. Poi è partito alla volta della Johns Hopkins University di Baltimora, con una borsa del Fondo Nazionale per la Ricerca Scientifica Svizzera. Oggi è Professore di letteratura inglese all'Università di Berna e ha appena ottenuto una delle prestigiose borse di studio dello European Research Council (ERC), il fondo europeo per la ricerca di cui ricorre, proprio in questi giorni, il decimo anniversario, celebrato la settimana scorsa all’Università della Svizzera italiana con studiosi da tutto il mondo. Il suo progetto si chiama Homo Mimeticus ed è dedicato al concetto dell’imitazione, trattato attraverso la letteratura, il cinema e la filosofia. Il concetto è quello greco della mimēsis. Il nucleo dei suoi interessi sono infatti i concetti di imitazione e identità, o citando Nietzsche: come si diventa ciò che si è. Un tema che è stato anche il punto di partenza di due libri intitolati "The Phantom of the Ego: Modernism and the Mimetic Unconscious", e "Conrad's Shadow: Mimesis, Catastrophe, Theory" (2016). Un discorso complesso che Nidesh svilupperà con un approccio interdisciplinare nei prossimi 5 anni con particolare attenzione all’impatto della violenza nel cinema.