"Cane interrato nella rena", Francisco Goya (1820-1821) - museo del Prado di Madrid (Wikipedia)

Bestiario

di Emanuela Burgazzoli

VOCI DIPINTE
Domenica 23 aprile 2017 alle 10:35

 

Dai bestiari medievali ai bestiari surrealisti, dal cane di Goya al bue squartato di Rembrandt, dai cavalli di Kandinsky alla capra di Picasso: da sempre gli animali sono stati raffigurati nell’arte. Rappresentazioni che a seconda delle epoche hanno accentuato il valore simbolico-allegorico, la verità scientifica o la valenza espressionistica. Fino all’arte concettuale che ha cominciato a utilizzare direttamente gli animali vivi o morti per creare opere d’arte. Come l’arte ha raffigurato o utilizzato gli animali? Perché? E soprattutto la relazione con gli animali non umani che cosa svela sulla nostra identità di esseri umani? Bestiari antichi e moderni. In “Voci dipinte”, a cura di Emanuela Burgazzoli.