Museo Poschiavino

Con l’allieva Isabella Visetti e il maestro Nicola Ferretti

domenica 10/09/17 13:40
Museo Poschiavino, ospitato nel palazzo de Bassus-Mengotti a Poschiavo Museo Poschiavino, Dialett in sacocia 10.09.17

I corsi di Dialett in sacocia in giro per la Svizzera italiana vanno a avanti e oggi l’aula dove si tiene la lezione è il Museo Poschiavino che ha sede nel Palazzo de Bassus-Mengotti a Poschiavo, museo che però ha anche due antenne sul territorio: Casa Tomé, una delle case più vecchie del borgo di Poschiavo, e il mulino Aino nella frazione di San Carlo.

Loreta Ferrari, guida del Museo Poschiavino, presenta le attività del museo, tra le quali spiccano molti percorsi didattici dove i partecipanti sono direttamente coinvolti in attività manuali. Fino al 29 ottobre si può anche visitare l’originalissima mostra dedicata alla presenza dell’orso in Val Poschiavo, una presenza che ha fatto discutere e che il Museo Poschiavino analizza sotto diversi punti di vista. 

Interessante anche l’allestimento permanente intitolato “I frutti della terra” che racconta la vita contadina nella valle di Poschiavo nel quale è presentato l’oggetto di cui si parla oggi, la “sclénzola”, la slitta usata per trasportare il fieno o anche altro materiale. Della “sclénzola” e del lavoro manuale per preparare e fissare il carico spiega tutto Roberto Raselli, docente in pensione, esperto di storia e tradizioni locali, che è già stato ospite di Dialett in sacocia. A lui, che ha anche tenuto corsi di poschiavino per i dipendenti tedescofoni di un’azienda attiva in valle nel settore energetico, il maestro Nicola Ferretti chiede consigli didattici da mettere in pratica con l’allieva ”un zichinin gnüca” Isabella Visetti.

Ospiti:
Loreta Ferrari
e Roberto Raselli

 

Immagina...

Seguici con
Altre puntate