L’aria tira un sospiro di sollievo, ma si può ancora migliorare…!

Con Antonio Bolzani

lunedì 12/06/17 13:00
Ozono ticino, autostrada L’aria tira un sospiro di sollievo, ma si può ancora migliorare…, La consulenza 12.06.17

Il miglioramento tecnologico, le misure strutturali e il decreto previsto per “situazioni di crisi e d’urgenza” hanno migliorato la qualità dell’aria. Ma c’ancora da fare, soprattutto perché i valori massimi di polveri fini (Pm10) e ozono vengono superati ancora troppe volte durante l’anno. Per ulteriormente ridurre l’inquinamento atmosferico bisognerà ridurre le emissioni degli inquinanti primari. Poi, con l’inizio della stagione estiva si ripresenta, come consuetudine, la problematica dello smog estivo, essenzialmente legata a elevate concentrazioni di ozono nell’aria. In particolare durante le giornate soleggiate e calde le concentrazioni medie orarie di ozono nell’aria superano frequentemente la soglia di 120 microgrammi per metro cubo stabilita dall’Ordinanza contro l’inquinamento atmosferico (OIAt). Noi oggi desideriamo informarvi sui comportamenti da adottare in caso di alte concentrazioni di ozono nell’aria. Vi spieghiamo come sta la nostra aria; cosa e quanto è migliorato e cosa preoccupa ancora le autorità; cosa si dovrebbe fare per migliorare ulteriormente la qualità; e quando e perché potrebbero entrare in vigore le misure d’urgenza come gli 80 chilometri all’ora in autostrada e il divieto di circolazione per diesel euro3, oltre che la gratuità dei trasporti pubblici.

Ospite:
Mirko Moser
, responsabile dell’Ufficio dell’aria, del clima e delle energie rinnovabili del Dipartimento del territorio

Per saperne di più:
Ufficio dell'aria, del clima e delle energie rinnovabili - Aria
 

Provvedimenti PM10

80 anni di Ambrì Piotta, serata speciale RSI

Seguici con
Altre puntate