Da dove siamo partiti

Dove siamo arrivati

Il Consigliere federale Alain Berset, ministro della Cultura, è intervenuto per difendere il rispetto per le minoranze linguistiche, valore iscritto nella nostra Costituzione: "Tutti dobbiamo partecipare alla coesione nazionale, altrimenti il federalismo non funziona" - ha detto Berset.

Lo sa bene la Radiotelevisione svizzera di lingua italiana, primo promotore, nella nostra regione linguistica, della lingua italiana e dell'italianità in Svizzera

Da dove siamo partiti?

Settembre 2014

RSI, in collaborazione con DECS, Dipartimento dell’Educazione, della Cultura e dello Sport del Cantone Ticino, e Percento culturale Migros Ticino, presenta l'operazione speciale “Italiano: lingua di frontiera”:

- lancio di nuove iniziative di programma sulla lingua italiana radio/tv/web RSI. Novità che sfruttano l’onda lunga di ciò (tanto) che già si stava facendo

- partecipazione a eventi a tema lingua italiana in Svizzera e nella Svizzera italiana

- lancio segmento umoristico: “Frontaliers – qui si parla itaGliano”: film nelle sale + DVD in vendita nelle filiali Migros Ticino e agli sportelli dei principali comuni del Grigioni italiano

Gennaio 2015

Attraverso la vendita del DVD “Frontaliers – qui si parla itaGliano”, i partner raccolgono (cifra netta) 300'000 CHF. 37'000 i DVD venduti nella Svizzera italiana + alcune centinaia distribuiti come gadget natalizio attraverso la radio (Rete Uno e Rete Tre).

Marzo 2015

Viene illustrato con trasparenza al pubblico come i soldi spesi per il DVD non andranno ad aiutare associazioni e progetti meritevoli sul territorio - autoambulanza per urgenze pediatriche, indigenti, disabili -, come nel caso dei DVD Frontaliers precedenti, ma che i ricavi serviranno a promuovere l’italiano e l'italianità in Svizzera.

In occasione di una serata pubblica al Palazzo dei Congressi di Lugano, RSI, DECS e Percento culturale Migros Ticino ringraziano la platea - degna rappresentante di tutti coloro che hanno acquistato il DVD - per aver contribuito a costruire il capitale di base. Nasce il “Fondo per l’italiano in Svizzera”. Durante la serata, vengono annunciati struttura e beneficiari del progetto legato alla somma raccolta.

Dove siamo arrivati

Dalla primavera 2016, giovani svizzero tedeschi, romandi e romanci tra i 14 e i 17 anni trascorrono una settimana delle loro vacanze nella Svizzera del sud con la formula "Italiano & Sport". La mattina, 4 moduli da 45’ di italiano su due livelli: principianti e “con qualche conoscenza”. Il pomeriggio, sport e attività alla scoperta della Svizzera italiana. Docenti e monitori proposti dal DECS.

I ragazzi protagonisti "scendono" a conoscerci al di là degli stereotipi boccalino / grotto / Sonnenstube. A conoscere noi, la nostra lingua - quindi la nostra identità - e il nostro magnifico territorio.

Italiando 2017_Dépliant  

Due campi base: Centro Sportivo nazionale di Tenero e Centro Gioventù+Sport di Bellinzona. Un costo dimezzato grazie al sostegno dei partner: 250 CHF al posto di 500 CHF. Corsi attrattivi, perché economici, ma attrattivi e affidabili, perché sostenuti dal label di qualità RSI (SSR), DECS e Percento culturale Migros Ticino (Percento culturale Migros).

Seguici con