L'argentino con Pier Tami al Turner Stadium (Ti-Press)

Samuel e quell'incubo da cancellare

Contro il Beer Sheva già con l’Inter… e non è andata tanto bene

giovedì 14/09/17 08:29 - ultimo aggiornamento: giovedì 14/09/17 23:04

Dall’inviato a Beer Sheva Marcello Ierace

Ci sono squadre, e anche specifiche partite, che uno difficilmente si dimentica. Per Walter Samuel l'Hapoel Beer Sheva potrebbe essere una di queste. Appese le scarpe al chiodo, l’ex difensore argentino è infatti tornato nell’amata Milano, sponda nerazzurra, per fare i primi passi di una (probabile a questo punto) carriera da allenatore. Da assistente di Stefano Pioli, il sudamericano ha però vissuto una stagione non facilissima con l’Inter, il cui apice (negativo) è forse stata propria la doppia sfida in Europa League contro la formazione israeliana. Sconfitta in casa per 2-0 sotto la guida di Frank De Boer, la "Beneamata" si è fatta recuperare e battere anche in Israele: e stavolta nello staff c'era appunto pure il nostro Samuel "The Wall".

“Non so cosa sia successo in quella partita - racconta l’attuale vice di Pier Tami al Lugano - Eravamo avanti 2-0 e poi... non so (finirà 3-2 per gli avversari, ndr). Anche il clima in quello stadio non è facile e loro hanno sfruttato al meglio la spinta dei tifosi”. Un calore che ci si potrà attendere anche questa sera (match in diretta su LA2 e in streaming dalle 21h05). “Però non dovremo pensare al clima, alla gente, ai tifosi - continua Samuel - Perché non dimentichiamo che in campo si va sempre undici contro undici ed è quello che conta”.

“Cercheremo di fare risultato, iniziare bene sarebbe davvero molto bello per noi”

Walter Samuel

L’Hapoel Beer Sheva, l’abbiamo capito, non è certamente un nome di grido del calcio internazionale, ma si tratta sempre e comunque di un avversario difficilissimo. “Non sarà una passeggiata, questo è sicuro - conferma l’argentino - Oltre alla tifoseria calda, si tratta di una squadra di grande esperienza, con tanti giocatori che militano in Nazionale e abituati a disputare le coppe europee”.

 

Seguici con