(RSI/Matteo Aroldi)

400'000 franchi per i bambini della nostra regione

Raccolti da Rete Uno, Radio Ticino e Frontaliers nell’ambito di “Ogni centesimo conta”

venerdì 22/03/19 08:45 - ultimo aggiornamento: venerdì 22/03/19 08:59

Lugano, 22 marzo 2019 –  In una serata speciale, ieri all’Auditorio Stelio Molo di Besso, la Catena della Solidarietà e la RSI hanno annunciato l’importo raccolto in occasione dell’operazione solidale “Ogni centesimo conta” e la ridistribuzione dei fondi a sostegno dei minori in difficoltà.

Lo scorso Natale, nell’ambito di “Ogni centesimo conta 2018”, Rete Uno e Radio Ticino, con una maratona radiofonica di una settimana a Bellinzona, e i Frontaliers, con la commercializzazione del loro DVD, hanno contribuito a raccogliere oltre 400'000 franchi che la popolazione della Svizzera italiana ha generosamente donato.

In segno di ringraziamento, i partner hanno invitato ieri sera 400 persone per assistere a un inedito spettacolo teatrale dei Frontaliers, cui ha fatto seguito l’annuncio ufficiale di come i fondi verranno distribuiti sul territorio.

Sino ad oggi, la Catena della Solidarietà ha ricevuto da tutta la Svizzera 65 richieste di sostegno finanziario per progetti a favore di minori maltrattati, trascurati e vittime di abusi. Nove di esse provengono dalla Svizzera italiana.

Le domande di sostegno all’infanzia che soffre possono essere presentate fino al 29 marzo. Nel mese di maggio, una commissione di esperti valuterà scrupolosamente la qualità dei progetti e attribuirà i fondi. La cifra raccolta nella Svizzera italiana sarà destinata a uno o più progetti relativi alla nostra realtà.

Ricordiamo che con la somma raccolta nell’edizione 2017 sono stati finanziati quattro progetti di altrettante istituzioni locali (Associazione Telefono SOS Infanzia a Chiasso, SOS Ticino e Fondazione Ares a Bellinzona, Associazione Il Tragitto a Lugano) per un totale di 226'079 franchi.