Contenuti in evidenza

Tutti

Un'artista a testa in giù

Dalle prime capriole sui tappeti blu della palestra locale, ai voli sospesa a 30 metri di altezza durante la cerimonia di apertura delle Paraolimpiadi di Sochi. Incontriamo un’artista che – si può ben dirlo – è arrivata molto in alto e oggi gira il mondo con la Compagnia Finzi Pasca.

Cult + Moira Albertalli

Credits: Claudia Quadri - Giotto Parini

Moira Albertalli è nata nel 1982 ed è cresciuta a Morbio Inferiore, a due passi da Chiasso. Se vede una trave, sente un formicolio sotto i piedi – sfido, dopo dieci anni di ginnastica artistica! Inevitabilmente, gli odori della sua infanzia sono quelli della palestra di Morbio e della polvere di magnesio. Roba forte? Doping? No, è la polvere che si mette sulle mani prima di fare i volteggi alle parallele asimmetriche, per esempio. Al liceo ha iniziato a studiare danza e dopo poco tempo si è ritrovata sul palco, a fare spettacoli di rivista francese con molte piume e paillettes. Dopo un periodo passato con il Circo Starlight, ha studiato musical a Monaco di Baviera. Poi il primo contratto e poco dopo, l’incontro cruciale con il regista ticinese Daniele Finzi Pasca. La Compagnia Finzi Pasca vive oggi un momento delicato a causa della perdita di uno dei suoi punti di riferimento, Julie Hamelin.

«Due squisitezze offerte dalle Pralines»

Moira Albertalli condivide con l’amica Sara Calvanelli, conosciuta grazie alla Compagnia Finzi Pasca, anche la passione per la cioccolata. E per la musica francese! Per questo il loro duo – voce e fisarmonica - si chiama Les Pralines. Guarda Les Pralines che si esibiscono a Lugano…

Tra i progetti di Moira Albertalli e Sara Calvanelli, in arte Les Pralines, quello di scrivere le proprie canzoni e di incidere un disco. Intanto, ecco un altro brano interpretato per Cult + a Lugano.