Contenuti in evidenza

Tutti

Dal Rodano al Rio delle Amazzoni

America, Africa, Asia… Yann Gross è lanciatissimo, in tutti i sensi: ha il viaggio nel sangue e gira il mondo con ogni mezzo, in cerca di realtà che non ti aspetti.

Cult+ Yann Gross

Credits: Claudia Quadri - Gioele Di Stefano

Abbiamo incontrato Yann Gross al Verzasca Foto Festival, all’inizio di settembre. Era reduce dal Festival di Fotografia di Arles che gli ha dedicato un’esposizione in grande stile nel luglio 2016 – esposizione che sarà al Centro Culturale Svizzero di Parigi nel mese di novembre 2016. 

«Il primo skatepark nell’Africa orientale»

Yann Gross è una persona che non esita a farsi coinvolgere in progetti concreti che aiutano certe culture di minoranza a farsi conoscere e ad affermarsi socialmente. Grazie alla sua passione per lo skateboard, Gross ha condiviso e documentato la realtà dei primi skaters in Uganda, e da questa esperienza è nato “Kitintale” un progetto fotografico e un filmato che racconta la storia dello skatepark attraverso le parole di chi lo ha fondato.

«Un'inaspettata Amazzonia contemporanea»

Il fotografo di Vevey ha ripercorso il tragitto del conquistatore spagnolo Francisco De Orellana lungo il Rio delle Amazzoni, alla ricerca dell’Amazzonia contemporanea. La globalizzazione arriva anche nei luoghi più remoti, nel bene e nel male. Gross ha girato il video “Canal Guateka” con i rappers guarani kyova, che con la loro musica e le nuove tecnologie sperano di difendere la loro lingua e la loro cultura.

«Il libro della giungla è fresco di stampa»

E’ appena uscito in tre lingue il libro dell’ultimo, sorprendente progetto di Yann Gross: “Le livre de la jungle” che ritrae l’Amazzonia contemporanea. Un progetto dal risvolto sociale, in cui non c'è solo l’occhio di un bravo fotografo, ma anche molto cuore. Le presentazioni del libro sono in corso. Vi siete persi quella alla Art Book Fair di New York?! Siete ancora in tempo per la presentazione che si svolge al Musée de l’Elysée di Losanna, il 27 ottobre 2016.