Contenuti in evidenza

Tutti

Kafkian coiffeur

Laure Prouvost trasforma l'HangarBicocca in un labirinto kafkiano, fra saloni da parrucchiere, stanze da tè e karaoke.

Cult+ Laure Prouvost - Kafkian coiffeur

Credits: Stefano Roncoroni - Gioele di Stefano

Laure Prouvost è un'artista francese molto affermata. Nel 2013 ha vinto il prestigioso premio Turner Prize. Si esprime attraverso opere di videoarte inserite in grandi installazioni: il risultato di questa contaminazione di linguaggi artistici è quasi una  parodia dei musei moderni. GDM-Grand Dad's Visitors Center è un insieme di installazioni che riempiono l'HangarBicocca di Milano. Cult+ l'ha visitato per voi e ha intervistato Laure Prouvost nel suo finto salone da parrucchiere: un meta-coiffeur dove le riviste di gossip si mischiano a strani video kafkiani.

«Conosciamo il nonno e la nonna di Laure Prouvost»

Gdm-Grand Dad's Visitors Center è un insieme di installazioni tutte incentrate sulle "storie perdute". Le storie che Laure Prouvost ha smarrito e vuol ritrovare sono quelle dei nonni. Il nonno era anche lui un artista. Fino a qui tutto chiaro, ma pare che l' ultimo progetto del nonno fosse scavare un tunnel per arrivare in Africa. Sarà vero? E poi, si dice che la nonna non riuscisse a star fuori dall'arte del marito e sia rimasta incastrata nel cunicolo scavato dal nonno. Ancora tutto chiaro, o no?

«Ma chi l’ha detto che in un museo si devono solo guardare le opere in silenzio?»
«Laure Prouvost vi fa bere e cantare!»

Per digerire l'arte contemporanea... sorseggiatevi un bel tè!

Cantiamo tutti assieme una canzone per la nonna di Laure!