La recensione di Michele Serra

"Cattive acque" di Todd Haynes

Cattive acque

Il thriller green firmato da Todd Haynes con Mark Ruffalo

Da Erin Brockovich in giù, Hollywood ama le storie popolate di eroi positivi che cercano di raddrizzare i torti commessi dalle grandi corporation, meglio se a suon di cause legali. L'importante è che i film siano fondati su fatti reali, come nel caso dell'ultimo di Todd Haynes, che abbandona il suo stile sopra le righe per raccontare sobriamente la battaglia dell'avvocato Rob Bilott contro il colosso della chimica DuPont.

Condividi

Correlati