Fellini 100

Rimini celebra il Maestro nel centenario della nascita

Il 20 gennaio del 1920 nasceva a Rimini uno dei Maestri indiscussi del cinema mondiale. Genio ineguagliabile e senza tempo, punto di riferimento per innumerevoli cineasti e artisti venuti dopo di lui, Federico Fellini è ora celebrato dalla sua città natale attraverso una nutrita serie di iniziative che si svolgeranno lungo l’intero 2020, all’insegna del celebre motto felliniano del “tutto si immagina”.

A inaugurare il centenario è il progetto espositivo “Fellini 100 Genio immortale. La mostra”, allestito nelle sale di Castel Sismondo fino al 15 marzo. Un progetto itinerante ‒ ad aprile migrerà a Roma, per poi varcare i confini nazionali con tappe a Los Angeles, Mosca e Berlino ‒ che raccoglie memorie, fotogrammi, fotografie, costumi e molti materiali inediti (come i taccuini originali su cui il compositore Nino Rota era solito appuntare le indicazioni del Maestro circa la musica che avrebbe dovuto accompagnare le scene).

Il cammino artistico e la straordinaria eredità creativa di Fellini sono raccontati in un percorso ad alto tasso scenografico e innovativo dove la storia d’Italia, dagli anni Venti-Trenta fino agli Ottanta, scorre davanti ai nostri occhi filtrata attraverso l’immaginario onirico e ammaliante dei film del regista. Ci sono poi i racconti dei tanti compagni di viaggio di Fellini. E, infine, ci si proietta nel futuro con la presentazione del Museo Internazionale Federico Fellini, che sarà inaugurato a fine 2020 e che in parte avrà sede proprio a Castel Sismondo.

Dopo la visita alla mostra, il consiglio è di fare un bel tour nel capoluogo romagnolo alla scoperta dei luoghi che più hanno segnato l’immaginario felliniano: dal Cinema Fulgor al Borgo San Giuliano, fino al mitico Grand Hotel.

Francesca Cogoni
Condividi

Correlati