"Green Book" di Peter Farrelly

Ascolta la recensione di Michele Serra

"Green Book" di Peter Farrelly

Green Book

Un'amicizia più forte degli stereotipi

Green Book ha conquistato prima il pubblico al festival di Toronto, poi i giornalisti della stampa estera (tre Golden Globe) e poi ancora i giurati dell'Academy, che gli hanno regalato cinque nomination pesanti agli Oscar. E pensare che il regista, Peter Farrelly, non è proprio uno avvezzo ai festival e ai grandi premi, perché i film per cui è conosciuto si chiamano Tutti pazzi per Mary e Scemo e più scemo. Intendiamoci, anche Green Book presenta una buona percentuale di commedia, ma le risate non sono certo grasse.

Il Green Book del titolo è una guida, utile ai neri che volevano viaggiare nell'America degli anni Cinquanta. In epoca pre-Martin Luther King, molti stati degli Stati Uniti vivono ancora la segregazione razziale: sul Green Book sono segnati hotel, motel e ristoranti che – anche negli stati del profondo sud – accettano di ospitare e servire i neri. Guida che, suo malgrado, il grande pianista Don Shirley si trova a consultare durante il suo ultimo tour.

Condividi

Correlati