"Mission impossible - Fallout" di Christopher McQuarrie

La recensione di Michele Serra

"Mission impossible - Fallout" di Christopher McQuarrie

Mission: Impossible - Fallout

Un vero e proprio manuale del cinema d’azione

Tom Cruise potrà anche star poco simpatico a qualcuno, per i suoi legami con Scientology e le scelte di vita conseguenti. Però quando si cala nei panni di protagonista e produttore della serie di Mission: Impossible sembra avere il potere di far dimenticare i suoi lati meno limpidi anche ai detrattori più accaniti. Se il cinema è fatto di corpi, quello di Cruise - che sullo schermo corre, salta, picchia, si schianta - è ormai un pezzo di storia hollywoodiana che schiva lo scorrere del tempo e rifiuta la decadenza. Ancora una volta, nell'ultimo Fallout: più che un film, un vero manuale di cinema d'azione.

Condividi

Correlati