"Anatolian Dances" di Dem Trio; Felmay (dettaglio copertina) (felmay.it)

Novità discografiche

Di Paolo Scarnecchia

La Vaghezza: Sculpting the fabric (Ambronay)

Cosmopolita, come la maggior parte dei giovani ensemble di musica antica formati in giro per l’Europa, La Vaghezza riunisce cinque strumentisti di nazionalità diversa impegnati nella esecuzione storicamente informata della musica barocca. Dopo aver affinato il proprio progetto artistico grazie al sostegno del programma europeo EEEmerging, ed essersi distinti per la qualità delle loro proposte, hanno ottenuto l’ambito riconoscimento dell’esordio discografico offerto dalla etichetta del Centre culturel de rencontre d'Ambronay. Per l’occasione hanno registrato pagine di autori italiani della prima metà del Seicento.

Mahan Esfahani: Bach. The Six Partitas (Hyperion)

Le Sei Partite per cembalo (BWV 825-830) di Johann Sebastian Bach vennero stampate separatamente tra il 1726 e il 1730 per iniziativa del compositore stesso e successivamente raccolte nella parte prima del Clavier-Übung del 1731. Il titolo, “Esercizio per tastiera”, riprende quello utilizzato dal suo predecessore a Lipsia Johann Kuhnau, e nella varietà e complessità della scrittura compete con le suites che Handel aveva pubblicato nel 1720. Mahan Esfahani esalta in modo personale la straordinaria musicalità di questo vertice espressivo della storia della suite come genere musicale barocco per eccellenza.

Dem Trio: Anatolian Dances (Felmay)

Il sottotitolo di questo disco è ‘Turkish Musical traditions. Remembering the past, dreaming of the future...’, a significare il valore storico del patrimonio musicale anatolico che è una ricchissima fonte di ispirazione per un infinito gioco di variazioni e di improvvisazioni. In questo disco il Trio Dem, costituito da Derya Türkan, Murat Salim Tokaç e Cenk Güray, presenta le diverse declinazioni regionali dei più importanti ritmi di danza, halay,sirto e zeybek spaziando in senso geografico, e in senso melodico attraverso le numerose sfumature degli intervalli musicali che caratterizzano i diversi makamlar, le scale modali del sistema musicale della tradizione turca, con alcuni dei suoi principali strumenti: kemençe, tanbur, ney, divan sazı, cura, tanbura, e abdal sazı.

La Fonte Musica: Enigma fortuna. Zacara da Teramo. Complete Works (Alpha)

Questo cofanetto di quattro CD contiene l’opera completa di uno dei più originali e stravaganti compositori della tarda Ars Nova. Nelle fonti manoscritte il suo nome compare sotto diverse forme ed è una delle figure meno conosciute della musica della seconda metà del Trecento. Grazie ai saggi di Michele Pasotti, direttore dell’e nsemble La Fonte Musica, e di Francesco Zimei e Jason Stoessel contenuti nel libretto, il ritratto del musico, scriba e miniatore risalta a tuttotondo rendendo preziosa e imprescindibile questa affascinante impresa discografica.

Ensemble Perspectives: Playlist (Outhere Music)

L’Ensemble Perspectives diretto da Geoffroy Heurard è un quintetto vocale francese che esegue musiche di natura differente con una interessante varietà di timbri vocali. Il titolo di questo secondo disco indica la selezione di arie e canzoni che abbracciano differenti generi musicali con composizioni di epoche diverse, dal barocco di Purcell al pop di Paul Simon. Per raggiungere l’alchimia sonora del loro motto “cinque voci per un solo strumento”, il gruppo si avvale della collaborazione di arrangiatori e compositori di molteplici orientamenti estetici, proponendo una varietà di interessanti soluzioni timbriche e armoniche.

 
Condividi

Correlati