Una mostra sulla scultura svizzera

TG 20 di martedì 13.07.2021

Jean Tinguely (1925-1991); Niki de Saint Phalle (1930-2002) Le Cyclop - La Tête , 1970 (© Niki Charitable Art Foundation / 2021, ProLitteris, Zurigo)

Scultura svizzera dal '45 a oggi

Al Kunsthaus di Aarau fino al 26 settembre

Giacometti, Tinguely, Giger: sono solo alcuni dei nomi degli scultori che hanno reso celebre la Svizzera nel mondo.

Il Kunsthaus di Aarau dedica ora un'ampia esposizione alla scultura svizzera dal 1945 ad oggi. Fra le 230 opere di 150 artisti, si trovano anche molti lavori di scultori grigionesi e ticinesi, come l'artista locarnese Remo Rossi.

Negli anni ‘40 si è mostrata tradizionalista per poi diventare sempre più variata ed innovativa, specchio di una società in rapido sviluppo. Ci sono realtà urbane e valli alpine, opere di tutte le regioni linguistiche, artisti che parlano delle proprie origini, per un'esposizione che offre spazio a vari cicli di artisti costata due anni di preparazione.

Domenica 22 agosto il museo propone una visita guidata della mostra, in lingua tedesca, con la storica dell'arte Astrid Näff.

TG/sdr
Condividi

Correlati