Sweat

Nelle sale il film di Magnus Von Horn presentato a Cannes

Riaprono le sale cinematografiche nella Svizzera italiana e tra i film proposti c'è Sweat. ll film dello svedese Magnus Von Horn è stato presentato all'interno del programma di Cannes 2020 e racconta la sovrapposizione tra esistenza online e vita reale, nel mondo contemporaneo.

Il sudore del titolo è quello di una fitness influencer: una sportiva ventenne che attraverso i social network coinvolge i suoi follower in momenti di ginnastica collettiva, ma anche, ovviamente, nella sua vita.

Il regista svedese (polacco di adozione) Magnus Von Horn non poteva trovare un argomento più contemporaneo, perché capace di unire due ossessioni moderne: quella per il corpo come simbolo ultimo di privilegio e quella per il successo social. Pare che Von Horn volesse fare un documentario con una vera fitness influencer come protagonista, e che al rifiuto di quest'ultima abbia deciso di virare sulla fiction. Scelta forse obbligata, ma sicuramente fortunata, visto che ha trovato la bravissima Magdalena Koleśnik, a cui è affidato il compito di caricarsi il film sulle spalle.

Sweat racconta pochi giorni nella vita della sua protagonista, soprattutto le ricadute che la sua attività pubblica ha sulla sua vita offline, comprese quelle più tossiche (tra le altre, un vero stalker che la molesta in modo piuttosto pesante).

Sia Von Horn che la Koleśnik hanno dichiarato di non essere mai stati maniaci social, e di considerarsi piuttosto persone tutto sommato riservate. Eppure la loro descrizione di questa realtà è assolutamente credibile, soprattutto perché riesce a non diventare troppo morale (o meglio, moralista).
Ogni situazione presentata nel film si può interpretare in modi diversi e opposti, a seconda del livello di cinismo sviluppato dal singolo spettatore nei confronti del mondo online. Se la protagonista si confessa e piange davanti alla telecamera, è solo un altro tentativo di creare contenuto da monetizzare, di connettersi con un altro tipo di pubblico? Oppure semplicemente i confini tra la sua vita interiore e il suo profilo Instagram si sono dissolti, e quindi quello è un esempio di massima sincerità? Apprezzabile il tentativo di lasciare aperte queste domande, senza buttare in faccia allo spettatore qualche lezione su come si dovrebbe vivere - o lavorare, o entrambe le cose - online.

Sweat (Polonia, Svezia/2020)
Regia: Magnus Von Horn
Interpreti: Magdalena Koleśnik, Julian Świeżewski, Aleksandra Konieczna, Zbigniew Zamachowsk
Durata: 106'

Michele Serra
Condividi

Correlati