William Burroughs, l'esplosivo

Per il Saggiatore escono le sue Interviste

Curata dal critico Sylvère Lotringer e pubblicata ora anche in Italia, la raccolta delle Interviste di William Burroughs è una controstoria privata del secondo Novecento americano, raccontata in presa diretta dalla voce di uno dei suoi protagonisti più provocatori: dalle conversazioni con i sodali di sempre Allen Ginsberg, Gregory Corso e Brion Gysin agli incontri memorabili con David Bowie, Tennessee Williams, Christopher Isherwood e Patti Smith, dall’analisi delle proteste del Sessantotto alle prese di posizione di fronte all’esplodere dell’epidemia dell’Aids, dalle rivelazioni sulle proprie tecniche di scrittura alla confessione delle paure per il futuro.

William Burroughs, scrittore eretico e sperimentale
William Burroughs, scrittore eretico e sperimentale A cura di Enrico Bianda

Pistolero intellettuale, pecora nera di una ricca famiglia di fabbricanti di calcolatrici, disinfestatore di blatte e cimici, pittore a mano armata, esule uxoricida, tossico impenitente, profeta della paranoia, esploratore del queer, protagonista di oracolari cammei cinematografici e – soprattutto – autore di alcuni dei più stranianti romanzi sperimentali della letteratura americana: in questo volume monumentale Interviste (edito per il Saggiatore, a cura di Silvia Albesano e Alessandro D'Onofrio, pp. 1239) William Burroughs mostra tutta la sua potenza intellettuale: poliedrica, sfaccettata, esplosiva.

William Burroughs, il rock e la sperimentazione
William Burroughs, il rock e la sperimentazione A cura di Enrico Bianda
 
Condividi

Correlati