Alpi ribelli

Storie di montagna, resistenza e utopia

di Claudio Visentin

Nei secoli le Alpi sono state un rifugio di dissidenza. Hanno accolto eretici, ribelli e resistenti. Tra i boschi e le vette alpine le loro idee di libertà hanno trovato ospitalità e protezione; si sono diffuse tra la popolazione, radicandosi nello spirito d’indipendenza della gente di montagna.

Le Alpi sono schiaffi di pietra alla società liquida
Le Alpi sono schiaffi di pietra alla società liquida

Possono essere i seguaci di Fra Dolcino nel Trecento o gli ostinati Valdesi che nel Seicento resistono alla Controriforma, sino agli antifascisti e ai partigiani nella Seconda guerra mondiale. In ogni caso la montagna sembra respingere il pensiero dominante della gente di pianura per dare ascolto soprattutto alle voci minoritarie, che sfidano l’autorità costituita.

Intervista a Enrico Camanni
Intervista a Enrico Camanni Autore del libro "Alpi ribelli", Laterza, 2016

Oggi le comunità alpine devono confrontarsi con le sfide del nostro tempo - la colonizzazione turistica, l’emigrazione, la questione ambientale – e riconsiderare la storia da questo diverso punto di vista può aiutarle a ritrovare il senso e le ragioni della loro particolare identità.

Intervista a Marco Armiero
Intervista a Marco Armiero Autore del libro "Le montagne della patria", Einaudi, 2013

 

Condividi

Correlati