Annie Ernaux
Annie Ernaux

Annie Ernaux

Un nobel nel segno della Storia

Il vero scopo della mia vita forse è solamente questo: che il mio corpo, le mie sensazioni e i miei pensieri divengano scrittura.

Questo ha fatto Annie Ernaux, premio Nobel per la letteratura 2022, nel corso della sua vita. Trasformare la propria biografia in storia e intrecciarla con la Storia. Si pensi al romanzo autobiografico "Gli Anni", che offre la cronaca collettiva del nostro mondo dal dopoguerra a oggi, in un canto indissolubile attraverso la magistrale fusione della voce individuale con il coro della Storia. Annie Ernaux convoca la Liberazione, l'Algeria, la maternità, de Gaulle, il '68, l'emancipazione femminile, Mitterrand; e ancora l'avanzata della merce, le tentazioni del conformismo, l'avvento di internet, l'undici settembre, la riscoperta del desiderio, ...

Nobel della letteratura Annie Ernaux

Nobel della letteratura Annie Ernaux

TG 20 di giovedì 06.10.2022

Trasformare la propria vicenda in racconto collettivo: avviene anche in "L’evento". Nel 1963, in seguito a un’analisi del sangue, Annie Ernaux scopre di essere incinta e decide di interrompere la gravidanza. L’aborto è illegale in Francia – addirittura la parola stessa è bandita, non ha un suo «posto nel linguaggio» – e la giovane Annie è costretta a seguire vie clandestine. La lotta per questo diritto si intreccia con la riflessione più grande su cosa impedisca alla donna di dirsi e di pensarsi come tale.

La grande capacità dell’Ernaux è quella di immergere nel suo flusso narrativo anche la nostra esistenza. Spronata da una lingua tersa, Annie Ernaux riesce nel prodigio di «salvare» la storia di generazioni mostrando i lati luminosi e quelli oscuri della vicenda collettiva.

 
Condividi

Correlati