Il mito di Heidi

Storia del romanzo svizzero più letto al mondo

di Franco Brevini

Heidi è da decenni la migliore ambasciatrice della Svizzera in tutto il mondo. Ancora più conosciuta di Guglielmo Tell e di qualsiasi altro elvetico illustre, vivo o morto, ci offre il caso di un personaggio di romanzo diventato più famoso della sua autrice. La cosa curiosa è che dello scrittore svizzero più letto al mondo i più non  si ricordano il nome.

 

Heidi con Shirley Temple, 1937

Con l'uscita di Heidi, nel 1880, la Svizzera diviene simbolo del "locus amenus". Il successo dell'incanto rigeneratore del paesaggio alpino a fine ottocento è già un mito, grazie alla diffusione degli scritti di due autori del settecento svizzero: Albrecht Von Haller e Jean-Jacques Rousseau.

 

Heidi, Anuk Steffen 2015

Fenomeno globale Heidi si è imposta come un’icona planetaria della montagna. Il libro è infatti un autentico best-seller e ha venduto oltre cinquanta milioni di copie. Tradotto in una cinquantina di lingue, è secondo solo alla “Bibbia” e a “Don Chisciotte”, e, nella letteratura per l’infanzia, non è paragonabile che al caso di “Pinocchio”.

 

Heidi, Emma Bolger, 2005


Sbalorditivo il successo in Giappone, da cui è venuta la serie di cartoni animati più famosa dedicata a Heidi. In quel paese sono uscite oltre un centinaio di edizioni dei libri della Spyri, ventuno adattamenti manga, ventotto edizioni illustrate. Vi sorge anche un Villaggio Heidi, che è un piccolo angolo di Svizzera in terra nipponica.

 

Heidi, illustrazione di Rudolf Münger


Da cosa è nato il successo mondiale della bimba svizzera? Come è stato letto e portato sullo schermo, piccolo e grande, il suo mondo? Cosa è stato sacrificato dell’opera di Johanna Spyri? Uno scavo nell’identità svizzera attraverso la voce di una bambina buona e coraggiosa.

 

Johanna Spyri (Zentralbibliothek, Zürich)