Tra jazz e nuove musiche

Rassegna di concerti pubblici - Stagione 2019-2020 - 1. parte

Con la presenza del pianista-compositore Frederic Rzewski si inaugura il 13 ottobre alla RSI la nuova serie di concerti Tra jazz e nuove musiche, prodotti e coordinati da Rete Due. Il musicista statunitense fu tra i primi, insieme al leggendario collettivo MEV Musica Elettronica Viva, a combinare la Neue Musik ad un tipo di improvvisazione slegata dai canoni jazzistici e all’elaborazione elettronica del suono in tempo reale. A Lugano presenterà una serie di composizioni pianistiche tratte soprattutto dal suo repertorio più recente.

Per un appuntamento in collaborazione con il festival Chitarre dal Mondo il 17 ottobre all’Auditorio RSI saranno di scena Yamandu Costa, importante virtuoso della chitarra a sette corde tipica del Brasile, e il suo connazionale Renato Borghetti specialista della gaita ponto, la fisarmonica a bottoni pure diffusa nel grande paese sudamericano.

Elliott Sharp, da New York City, è il vulcanico leader di Fourth Blood Moon, band che si nutre di blues e nuova psichedelìa che sarà ospite al Cinema Lux di Massagno il 25 ottobre.

La serata del 9 novembre sottolineerà i cinquant’anni di attività della ECM, etichetta tra le più influenti della musica del nostro tempo fondata nel 1969. Nell’Auditorio della RSI, sede d’elezione di numerose registrazioni realizzate dalla label in collaborazione con Rete Due da una quindicina d’anni ormai, si esibiranno il “popolaresco” duo con Gianluigi Trovesi e Gianni Coscia e il nuovo Tapestry Trio del maestro dei sassofoni statunitense Joe Lovano.

Un omaggio alla musicalità della “sua” Chicago - tra gospel, blues e jazz - è quello che Chico Freeman assieme ad un quartetto di noti cantanti della città presenta al Cinema Teatro di Chiasso il 16 novembre.

Per quella che è una tappa ormai consolidata di questo ciclo di concerti, arrivano anche stavolta al Jazz in Bess di Lugano due gruppi. Il 20 novembre saranno infatti di scena lo Snailspace Trio dell’emergente pianista italiano Simone Graziano e a seguire l’allettante quartetto Fly or Die della chiacchierata giovane trombettista americana Jaimie Branch.

Saranno infine la raffinata vocalità e l’innata verve di entertainer di Allan Harris, da considerare ormai uno dei grandi cantanti del jazz contemporaneo, a concludere la serie di appuntamenti il 2 dicembre al Teatro del Gatto di Ascona.

***

Appellativo di una stagione di concerti dove confluiscono generi e tendenze legate al concetto di improvvisazione, Tra jazz e nuove musiche – prodotta dalla Rete Due sin dalla fine degli anni ’80 - ha ospitato nel corso della sua lunga storia numerosi tra i più acclamati nomi della scena musicale contemporanea, accanto a molti giovani musicisti emergenti.
Nata nel leggendario Studio 2 della RSI di Lugano-Besso, la rassegna si propone ormai regolarmente anche al di fuori degli spazi dell’ente radiotelevisivo, con concerti e spettacoli nati in collaborazione con altri enti, associazioni e organizzazioni attivi sul territorio. 

Tra jazz e nuove musiche vuole oggi essere la griffe di un ciclo di concerti trasversale, condiviso da chi opera nella Svizzera italiana nel segno di un interesse non solo per un jazz inteso in senso lato ma anche per quelle musiche attuali dove convergono elementi e caratteri che hanno fatto l’unicità della musica afro-americana: incontro, confronto, dialogo, sincretismo.