Banksy, l'artista più ricercato

Il doc di Aurélia Rouvier e Seamus Haley su Play RSI

Banksy è ormai diventato un nome familiare, ma dietro questo nome si cela una moltitudine di storie, di opere d'arte, di acrobazie, di dichiarazioni politiche e di identità che portano ad una delle più intriganti domande, tuttora senza risposta, del mondo dell'arte: chi è Banksy?
Usando il suo anonimato, per oltre venticinque anni, molte persone hanno potuto rivendicare il suo lavoro, sia legalmente che emotivamente, e fantasticare su chi si nasconde dietro questo nome.
Attraverso le testimonianze di chi lo conosce ed ha lavorato con lui, ma anche di chi lo sfrutta, gli dà la caccia, lo rivendica... il documentario "Banksy, l'artista più ricercato", disegna un ritratto approfondito di questo Robin Hood mascherato.
Ognuna di queste indagini rivela una sfaccettatura dell'artista e delle sue opinioni politiche, che siano il suo impegno per le cause ambientali, per i rifugiati politici oppure i suoi legami con la scena musicale o il suo lato imprenditoriale.
Ricerche queste che mettono anche in discussione il nostro rapporto con l'identità nella nostra società. Abbiamo davvero bisogno di conoscere il nome dell'artista per apprezzare l'opera d'arte?

Il documentario su Banksy è disponibile, fino a sabato 5 febbraio 2022, su Play RSI

Condividi

Correlati