Hedy Lamarr (courtesy linkedin.com)

MARIE CURIE, LISE MEITNER e HEDY LAMARR

Martedì 14 novembre, Studio 2 RSI, Lugano-Besso, ore 18:00

con Gabriella Greison, fisica, scrittrice e giornalista
(conduzione di Sandra Sain, produttrice di Rete Due)

 

L’incontro prevede il racconto di tre donne che nella storia della fisica e per la scienza sono state fondamentali; per la nostra vita di tutti i giorni sono ancora attuali e di grande valore. Sono Marie Curie, Lise Meitner e Hedy Lamarr, tre donne formidabili dalle caratteristiche personali e dalle abilità scientifiche molto diverse fra loro. Nel racconto su Marie Curie ci sono l’Università di Varsavia, allora vietata alle donne, le vicende stucchevoli per ritirare il secondo premio Nobel, l’accanimento della stampa contro di lei; ci sono anche gli studi, le ricerche e le conquiste scientifiche, e c’è Albert Einstein che la definì “la più grande scienziata di tutti i tempi”. Nel racconto su Lise Meitner ci sono la vita in Germania e il rifugio in Svezia per sfuggire alle persecuzioni razziali naziste, il suo contributo alla nascita dell’era atomica; ci sono anche la mancata attribuzione del premio Nobel per la scoperta della fissione nucleare e i legami con i più importanti fisici del XX secolo. Nel racconto su Hedy Lamarr ci sono la carriera di attrice famosa e di diva hollywoodiana, le scoperte e i brevetti, frutto di una mentalità scientifica, il sistema ideato per criptare le comunicazioni via radio ed altre invenzioni; ci sono anche sei matrimoni, Hollywood e una vita piena di ostacoli e pregiudizi.

Gabriella Greison è fisica, scrittrice e giornalista professionista. Ha insegnato fisica e divulgato la scienza in musei scientifici, e per gli istituti di ricerca. Ha lavorato all'Ecole Polytechnique di Parigi e ora vive a Milano raccontando la fisica per la televisione, in radio, sui giornali, nei festival e anche nelle chiese sconsacrate! Nei teatri di tutta Italia porta in scena da due anni il suo monologo 1927 monologo quantistico, in cui racconta come è nata la fisica quantistica partendo da una fotografia scattata a Bruxelles nel 1927 in cui c'è stato il più grande ritrovo di cervelli della storia: Einstein, Schroedinger, Heisenberg, Dirac e tanti altri premi Nobel. A questa foto ha dedicato anche il suo romanzo L'incredibile cena dei fisici quantistici, successo editoriale del 2017 pubblicato da Salani. A settembre 2017 è in libreria con Sei donne che hanno cambiato il mondo, edito da Bollati Boringhieri.