giovedì 11/11/21 23:10

Influenza spagnola

LA1, giovedì 11 novembre 2021

I fantasmi del 1918

Documentario di Paul Le Grouyer e Lucie Pastor

La pandemia generata dal Covid-19, che ha messo in ginocchio l’economia mondiale e fatto emergere importanti questioni etiche relative alle libertà individuali, ha riportato alla luce un altro evento a lungo dimenticato, quello dell’influenza spagnola. Nell'aprile del 1918, una malattia sconosciuta si propaga nei cinque continenti. Per 18 mesi, milioni di vite sopravvissute alla guerra vengono spazzate via da un virus che sarebbe poi stato ricordato nei libri di storia come la peggiore pandemia della storia.

Ma nel 1918 la priorità assoluta dei capi di stato era vincere la guerra, niente doveva fermare gli spostamenti delle truppe, trasformatesi in giganteschi propagatori epidemici. Anche se il numero delle vittime aumentava in modo esponenziale, la realtà veniva nascosta all’opinione pubblica e agli stessi soldati, per non indebolirne lo spirito combattente. La stampa mondiale taceva quanto stesse accadendo, fino a quando la Spagna non decise di uscire allo scoperto. Fu un medico di Manchester a lanciare l’allarme, sostenendo l'importanza di lavarsi le mani e il distanziamento sociale, ma fu ignorato. La guerra non era ancora vinta, tutto il resto doveva attendere.

La Svizzera fu il primo paese a prendere ufficialmente consapevolezza del dramma in corso e dal 18 luglio 1918, in occasione della seconda ondata epidemica, in un decreto federale raccomandò ai cantoni di vietare i raduni e decise di chiudere i luoghi pubblici, pena forti multe se non addirittura la prigione, per coloro che non avrebbero rispettato tali direttive.

Purtroppo però la presa di coscienza generale arrivò troppo tardi, dopo che il virus si era già diffuso in tutti i continenti. Poi finalmente alla fine del 1919, 18 mesi dopo la morte in Kansas del primo soldato americano, il virus si indebolì e scomparve grazie al raggiungimento dell’immunità di gregge. Ma il prezzo per la fine della pandemia fu enorme e costò la vita a 50 milioni di esseri umani. E il virus non fu completamente sradicato.

Seguici con
Altre puntate