giovedì 18/03/21 22:25

Numero 387

LA1, giovedì 18 marzo 2021

Scomparsi in mare

Documentario di Madeleine Leroyer

Il 18 aprile 2015 una nave senza nome cola a picco al largo delle coste della Libia. Si stima che nel naufragio perdano la vita circa ottocento migranti. È la peggior tragedia navale nel Mediterraneo dopo la Seconda guerra mondiale. Il governo italiano prende allora una decisione senza precedenti e organizza il recupero del relitto che giace in fondo al mare. Le autorità della Penisola vogliono dare un nome alle vittime e portare così conforto ai loro parenti e famigliari. Cristina Cattaneo, medico legale e antropologa, è a capo della squadra incaricata dell'arduo compito di identificare i corpi. Una felpa, dei pantaloni, una cintura è spesso tutto quanto resta dei dispersi. I medici legali e gli specialisti, attraverso la ricomposizione dello scheletro che permette in seguito la ricostruzione in 3D e l'analisi incrociata del DNA, fanno il possibile per dare un volto e poi un nome a chi è rimasto per mesi sepolto negli abissi. Alla difficile, e quasi disperata impresa, collabora anche il CICR. Pavlos Pavidis non è nuovo a questo tipo di indagini. Da diciassette anni infatti cerca di identificare i corpi degli anonimi migranti che perdono la vita nel tentativo di raggiungere via mare l'Europa. L'eccezionale documentario ha seguito per diversi mesi il difficile lavoro e lo strenuo impegno di coloro che cercano di restituire alle famiglie degli sfortunati migranti i loro cari, in modo da dare agli scomparsi una degna sepoltura e la possibilità di elaborare il lutto ai lontani parenti.

Seguici con
Altre puntate