giovedì 26/12/19 22:50

Alma e Hitch

LA 1, giovedì 26 dicembre, 22:30

Vita e opere di Alfred Hitchcock

Documentario di Laurent Herbiet

Maestro del brivido, mago del cinema, regista di pellicole indimenticabili che hanno segnato la storia della settima arte del secolo scorso. Grace Kelly, magnifica interprete di “Caccia al Ladro” con Cary Grant è stata una delle sue attrici preferite, Tippy Hedren indimenticabile protagonista di “Gli Uccelli”, pure. Il suo debole per le attrici belle, giovani, eleganti e rigorosamente bionde è proverbiale. Non sapete ancora di chi stiamo parlando? Ma di Alfred Hitchcock, ovviamente. Nella sua lunga carriera ha firmato film di successo come L’altro uomo, Il delitto perfetto, Caccia al ladro, La finestra sul cortile, La donna che visse due volte, Frenzy, Psyco … tanto per citarne alcuni. Nato a Londra nel 1899, dopo essersi fatto le ossa in patria, è a Hollywood che imprime una svolta alla sua carriera assurgendo a regista di fama internazionale, osannato dalla critica e dal pubblico. Eppure, pochi sanno che il suo successo lo deve a Alma Reville, la donna con la quale ha condiviso vita e professione. Londinese, nata anche lei nel 1899 a un solo giorno di distanza di “Hitch”, come amava essere chiamato, si è distinta nella professione ben prima di lui. Quando si incontrano, nel 1922, è già una montatrice, assistente alla regia e attrice affermata. “Hitch” ne rimane affascinato ma, troppo timido per corteggiarla apertamente, non trova altra soluzione che ingaggiarla come montatrice del film che sta girando con Graham Cutts. La complicità è totale e immediata. Lui inizia una frase, lei la finisce. Lui ha l’idea di una trama, lei la sviluppa. Quando si sposano, nel 1926, grazie agli interessi comuni come l’ammirazione per i cineasti tedeschi e i registi sovietici, sono già una coppia affiatata. Da allora, la loro intesa intellettuale è la linfa del cinema hitchcockiano. Senza Alma, Hitchcock non sarebbe Hitchcock. Nel corso della cerimonia in suo onore tenuta all’American Film Institute, nel 1979, Alfred Hitchcock le rende un omaggio toccante: “Citerò per nome solo quattro persone che mi hanno dispensato il massimo affetto e la loro collaborazione costante. La prima delle quattro è una montatrice, la seconda è una sceneggiatrice, la terza è la madre di mia figlia Pat e la quarta è la migliore cuoca e artefice di miracoli in cucina che ci sia. Il loro nome è: Alma Reville”.

Corteo Mascherato Rabadan

Seguici con
Altre puntate