(©POND5)

La fabbrica dell'ignoranza

#A cura di Davide Conconi e Cesare Bernasconi Presentano Christian Bernasconi e Cecilia Broggini www.rsi.ch/trasm/albert Esiste una strategia della disinformazione che si pone in concorrenza con la scienza alfine di manipolare l'opinione pubblica.

L’ignoranza non è solamente il frutto di una certa passività. Anche chi è molto curioso e si informa attivamente, potrebbe incorrere nella disinformazione. I produttori di ignoranza hanno iniziato ad affinare le proprie abilità, quando gli scienziati scoprirono l’effetto cancerogeno del fumo. L’agnotologia, l’innovativo studio dell’ignoranza, conta fra i suoi esperti studiosi di diverse discipline, come Naomi Oreskes, storica della scienza, Linsey McGoey, sociologa, e Stanton Glantz, direttore del Centro di ricerca sul tabacco in California. Stanton Glantz, professore all’Università di San Francisco, dopo 40 anni dai primi allarmi sulla tossicità del tabacco, si vede recapitare sulla scrivania una serie di documenti che riportano le discussioni degli stessi produttori, sui rischi del tabacco. Ciò che per 40 anni avevano provato a mettere a tacere, assoldando la scienza contro sé stessa, venne alla luce grazie a una fonte anonima.  

Quali sono i motivi della moria delle api? Qual è la reale portata dei cambiamenti climatici? Si può additare un colpevole? Nella nuova puntata de Il giardino di Albert, vi portiamo, con grande chiarezza, nella confusione di coloro che cercano di smentire la scienza con la scienza, o presunta tale.

Seguici con