domenica 06/12/20 10:30

Musica e critica

Settimanale musicale Con Elisa Netzer e Giuseppe Clericetti www.rsi.ch/paganini

“Le perverse mazurche del sig. Chopin” o la “massa di barbari accordi di Ludwig van Beethoven”. Sono questi alcuni dei giudizi espressi dalla critica ottocentesca attorno a opere che oggi riteniamo capolavori assoluti dell’arte musicale.

E proprio al tema della critica musicale – dei suoi successi, ma soprattutto dei suoi fallimenti – Paganini ha deciso di dedicare la puntata di domenica 6 dicembre (dalle 10.30 su RSI LA1).

Spunto principale per questa scelta è l’insolito e divertente spettacolo-concerto The music critic, registrato la scorsa primavera a Vienna da uno dei più grandi attori del presente – John Malkovich – assieme alla più amata coppia di funamboli della musica classica: Igudesman & Joo.

Nella prima parte di trasmissione troverà invece spazio un concerto “tanto difficile da comprendere quanto il nome del compositore: lunghi tratti di vuoto informe, cosparso di tintinnii di pianoforte e strappi di fiati e archi”. Trattasi nientemeno che del Concerto per pianoforte e orchestra n. 1 di Pëtr Il'ič Čajkovskij (all’epoca così bistrattato dal recensore del Boston Evening) che verrà diffuso nella leggendaria registrazione di Alexis Weissenberg al pianoforte con Herbert von Karajan e i Berliner Philharmoniker.

Ci sarà infine spazio anche per uno spunto di musica avanguardista: proprio quello stile che (a metà del secolo scorso) più di tutti scatenò attacchi di critica e pubblico. Ed è perlomeno curioso, però, costatare come quel fuoco di fila potesse venire anche da truppe amiche – come nel caso di John Cage (di cui verrà proposto un estratto da Music of Changes, nell’interpretazione di Joe Kubera) che venne definito dal collega Pierre Boulez “una scimmia che dà spettacolo”.

Seguici con
Altre puntate