Paganini
domenica 06/06/21 10:30

Paganini

LA 1, domenica 6 giugno, ore 10:30

Arte monumentale

Nella critica musicale capita spesso di sentir usare l’aggettivo “monumentale” per descrivere opere oppure interpretazioni particolarmente significative, magniloquenti o impegnative. Ovviamente si tratta di un utilizzo traslato dell’aggettivo, ma essendo questa metafora assai frequente Paganini – nella puntata di domenica 6 giugno 2021, dalle 10.30 su RSI LA1 – vuole per una volta provare a ripristinare il significato originario, e proporre due contenuti letteralmente monumentali.

Era il solstizio d’estate del 1988 e nella cripta di una delle cattedrali gotiche più imponenti d’Europa – la chiesa di Notre-Dame a Chartres – un violinista ispirato, un produttore inventivo e un regista sensibile davano vita a una creazione davvero singolare. “Chartres” è proprio il titolo del disco che il violinista e compositore svizzero Paul Giger registrò in quell’occasione, pubblicandolo l’anno successivo per l’etichetta ECM di Manfred Eicher. Chartres è però anche il titolo del film con cui Heinz Bütler creò un mondo visivo attorno all’unicità di quella performance, ispirata dalla maestosità della cattedrale e alimentata dalle energie esoteriche che – si dice – ne attraversano le navate.

Un salto di mezzo millennio – dalla fine del dodicesimo secolo in cui iniziò la costruzione della Cattedrale di Chartres a quel 1758 in cui Luigi XV decise di costruire una nuova chiesa nel quartiere latino di Parigi, poco lontano dalla Sorbona – porta al secondo contenuto della puntata di Paganini, questa volta di ambito coreografico. Tra le mura di quella chiesa – inizialmente dedicata a Sainte-Geneviève e poi divenuta un Panthéon laico (sepolcro per personaggi illustri quali Voltaire, Rousseau, Hugo e Zola) – il coreografo Yoann Bourgeois ha infatti inscenato nel 2017 Les grands fantômes, una delle sue più celebri coreografie che coniuga danza architettura, installazione, fisica, storia e acrobazia.

 

Seguici con
Altre puntate