domenica 29/08/21 10:30

Paganini

Settimanale musicale Con Elisa Netzer www.rsi.ch/paganini

Rock e politica, da Cristiano Ludovico di Brandeburgo a Jimmy Carter «Il potere dell'artista dovrebbe essere spirituale. Ma il potere della maggioranza è materiale. Quando occasionalmente questi mondi si incontrano, è una pura coincidenza». È prendendo alla lettera questo pensiero attribuito a Paul Klee che Paganini - per la puntata di domenica 28 febbraio, alle 10.30 su RSI LA1 - vuole approfittare della pura coincidenza per parlare di musica e politica, per capire cosa può unire questi due mondi apparentemente molto distanti. Ospite d'eccezione - in quanto rappresentante della congiunzione dei due mondi - il consigliere di Stato Manuele Bertoli. I contenuti musicali della puntata prendono le mosse da un caso piuttosto tipico, nel rapporto tra musica e potere, e cioè quello in cui l'artista cerca il favore del potere politico per vivere della propria arte. Così fece, per esempio, Johann Sebastian Bach con i Concerti Brandeburghesi, scritti per ingraziarsi il principe Cristiano Ludovico di Brandeburgo; e il dato curioso è casomai quello per cui i favori auspicati da quella dedica non si realizzarono mai, ma se oggi qualcuno si ricorda del principe è solo perché fu dedicatario di una celebre opera di Bach. A offrirci l'interpretazione del Concerto brandeburghese no. 3 sono i Barocchisti diretti da Diego Fasolis. Il recente documentario Jimmy Carter, presidente Rock & Roll di Mary Wharton mette invece in luce la, ben più rara, casistica opposta. Cioè quella per cui è il politico a servirsi del musicista (o dei musicisti) per favorire la propria carriera e rendere più incisiva l'azione pubblica. Sembra incredibile, ma nel 1977 Jimmy Carter riuscì a conquistare la presidenza degli Stati Uniti anche grazie all'appoggio di musicisti quali Allman Brothers, Johnny Cash, Willie Nelson o Bob Dylan. Avvicinamento a un mandato presidenziale che - soprattutto in politica estera - sostituì i missili con le canzoni rock e con gli assoli jazz. - Johann Sebastian Bach, Concerto brandeburghese no. 3 - Jimmy Carter, presidente rock & roll

Seguici con
Altre puntate