Vale solo 20 franchi?
domenica 08/11/20 10:30

Vale solo 20 franchi?

LA 1, domenica 8 novembre, ore 10:30

La domanda è pretestuosa, perché Arthur Honegger – da molti ritenuto il più grande compositore svizzero del Novecento – vale ovviamente più di quella cifra. Ma proprio la banconota da 20 franchi (nell’edizione del 1996, che qualcuno ancora porta in tasca) era dedicata a lui e quindi – di pretesto in pretesto – l’associazione d’idee può trovare un suo senso soprattutto in questo 2020 che celebra il centesimo anniversario della più famosa opera di Honegger: la Pastorale d'été per orchestra da camera.

Paganini dedica la puntata dell’8 novembre (alle 10.30 su RSI LA1) proprio ad Arthur Honegger e al celebre contesto parigino che – con l’appartenenza al Groupe des Six – lo ha visto protagonista in una delle realtà fondamentali per la musica europea del secolo scorso.

La puntata inizia però facendo un passo indietro, concentrandosi cioè sul nume tutelare del Gruppo dei Sei, il musicista più follemente geniale che sia mai esistito: Erik Satie, compositeur de musique è il titolo di una storica produzione RSI (con anche Cathy Berberian e Dario Müller) dedicata proprio a Satie. Un altro preziosissimo materiale d’archivio – Les Heures Chaudes de Montparnasse, della televisione francese – offre invece la diretta voce di tutti i Six (oltre a Honegger: Georges Auric, Louis Durey, Darius Milhaud, Francis Poulenc e Germaine Tailleferre) e di alcuni loro illustri “fiancheggiatori”, come lo scrittore Jean Cocteau.

Chiarito il contesto attorno ad Arthur Honegger, Paganini entra nel merito della sua opera con una videoanimazione di Carlo Ippolito attorno alla Sinfonia n. 4 Deliciæ Basilienses, dedicata al grande mecenate basilese Paul Sacher. Dulcis in fundo, la Pastorale d'été. Esattamente cent’anni fa nei pressi di Wengen, nell’Oberland bernese, Arthur Honegger scriveva quello che sarebbe diventato il suo brano di maggior successo: un breve poema sinfonico ispirato dal testo Alba di Arthur Rimbaud.

Per festeggiare l’anniversario della Pastorale d'été – opera fondamentale per tutta la musica svizzera – il regista Fabio De Luca ha creato un omaggio del tutto particolare. La registrazione concertistica della Pastorale (con l’Orchestra della Svizzera italiana diretta da John Axelrod) in un contesto narrativo più ampio, che comprende anche il testo originale di Rimbaud e una nuova coreografia pensata ad hoc dai danzatori ticinesi Lena Bagutti e Arno Ferrera.

Seguici con
Altre puntate