Serie 2, puntata 6 (Edizione integrale)

Sottosopra 2.6

Il Lucomagno, l'archeologia e una rissa in alta quota

Il Passo del Lucomagno, il Passaggio a Nord-Ovest (circolo polare artico), il lago Baikal, la Val Malvaglia e l’Everest sono i luoghi visitati questa settimana da Sottosopra.
Spicca soprattutto il racconto esclusivo da parte degli involontari protagonisti della scazzottata più alta al mondo avvenuta la scorsa primavera all’Everest tra alcuni sherpa e i fuoriclasse dell’alpinismo estremo Simone Moro e Ueli Steck. Le due star raccontano a Sottosopra dinamica e retroscena di questo triste episodio. Continua la traversata alpina in bici di Patrick Seabase: questa volta la tappa è Disentis-Olivone. Le montagne del Lucomagno fanno da cornice a questo servizio e alla storia dei due guardiani del passo in inverno. Nell’inverno 2012 il ticinese Filippo Genucchi, l’addetto alla sicurezza invernale del Passo del Lucomagno, vinceva a sorpresa la prestigiosa corsa a piedi Yukon Arctic Ultra. Quest’anno Filippo è ritornato accompagnato dal suo collega sursilvano Otmar Flepp, responsabile del versante grigionese del Lucomagno.
Genucchi si è dovuto ritirare e il nuovo vincitore si chiama Otmar Flepp: la medaglia è rimasta sul Lucomagno… Piergiorgio Capietti, banchiere con la passione per l’archeologia e per la montagna, ci accompagnerà alla scoperta di alcuni tesori poco noti in Valle di Blenio e in Val Malvaglia. Dario Alaimo, operatore sociale attivo a Locarno, ha la passione per le avventure in solitaria e “fuori dal branco”. Una delle sue ultime spedizioni, realizzata con mezzi limitatissimi: una lunga camminata in solitaria sul lago Baikal gelato in Siberia. Filippo Mennuni e Nanni Acquarone percorrono in barca a vela e con alcuni amici 11mila chilometri in cinque mesi ripercorrendo la sotrica rotta di Amundsen attraverso il mitico Passaggio a Nord Ovest. Paesaggi e incontri affascinanti. Nell’anno del 60esimo anniversario della prima salita, l’Everest ha fatto parlare soprattutto per quella che è ormai stata definita “la rissa più alta della storia”: quella tra le star dell’alpinismo Ueli Steck e Simone Moro con alcuni sherpa nepalesi.
Il racconto in dettaglio dei retroscena dalla viva voce dei protagonisti – Moro e Steck – e le implicazioni sul futuro del turismo d’alta quota in Nepal.
 



#DistantiMaVicini

Seguici con