Storie
domenica 10/03/19 20:40

Lunga vita all'ATS

Domenica 10 marzo, 20.40, LA 1

documentario di Danilo Catti

È successo probabilmente a tutti noi, lettori e cittadini svizzeri, di chiederci cosa celassero le tre lettere “ATS” che quotidianamente leggiamo in coda alla maggioranza delle notizie pubblicate dai giornali, sui portali internet o che sentiamo alla radio e alla TV.  Fondata a Berna nel 1894, l’Agenzia Telegrafica Svizzera è l’agenzia di stampa nazionale, una società per azioni il cui capitale è detenuto dai principali editori della stampa Svizzera. Editori che sono al contempo proprietari e clienti.

Nel 2017 l’ATS ha annunciato la fusione con l’agenzia fotografica Keystone, di cui l’ATS e l’agenzia di stampa austriaca APA possedevano la metà ciascuno. Oggi l’APA detiene il 30% della nuova azienda Keystone-ATS. All’inizio del 2018, dopo 125 anni di esistenza, l’ATS dà avvio alla più grande ristrutturazione della sua storia, licenziando 40 redattori su un totale di 180.

Preoccupato per la sopravvivenza stessa dell’agenzia, il personale si mette in sciopero e oltre a battersi per la salvaguardia di posti di lavoro, lotta per la difesa del diritto ad un’informazione di qualità e neutrale dovuta ad ogni cittadino svizzero, condizione fondamentale per garantire il funzionamento corretto della democrazia.

Un caso che fa riflettere anche più in generale sulle sorti dell’informazione: merce che ormai sembra gratuita, già pronta e alla portata di tutti, ma che in realtà è uno degli strumenti più efficaci del potere. Salvaguardare la sua qualità è allora quanto mai fondamentale. Ma qual è esattamente, oggi, il panorama in cui ci muoviamo? Grande esperto di tecnologie e direttore della sezione europea di TED, sarà Bruno Giussani – che molti anni fa portò per primo internet nella Svizzera italiana – a rispondere a questa domanda nello studio del programma.

Storie: Les Dames - Quando l'amore non ha età

Seguici con
Altre puntate