L'incredibile giro del mondo del Facchinetti di Curio

L’incredibile giro del mondo del Facchinetti di Curio

documentario di Olmo Cerri

In pochi conoscono questa vicenda, ma è un peccato. Perché la storia di Giacomo Facchinetti (1897-1932) è una di quelle che tutti vorremmo farci raccontare. 

Nato in Malcantone, operaio di professione e ciclista per passione. Piccolo di statura ma grande di cuore e di intelletto. Giacomo Facchinetti decide di partire per un giro del mondo, in bicicletta e senza soldi. Lascia nottetempo moglie e figli e, senza avvertire nessuno, inforca il velocipede e si dirige verso sud. Non farà mai più ritorno a casa. 

Qualcuno lo ricorda, partire dalla piazza del paese di Curio con la sua valigia di cartone sul portapacchi. La sfida? Concludere entro sei anni un giro del mondo. Unica fonte di sostentamento possibile: la vendita di cartoline. In palio un misterioso premio di venticinquemila dollari, messo in palio dalla “Società Geologica Americana”. In testa aveva, i libri di Jules Verne, un certo spirito d’avventura e forse anche l’esigenza di lasciarsi alle spalle qualche questione personale. Attraversando un‘Europa che ancora pagava le conseguenze della Grande Guerra e affrontando l‘Africa coloniale con le sue molte inside, finalmente si imbarcherà per l’Argentina. 

Racconteremo questa incredibile vicenda seguendo le ricerche di uno dei pronipoti del Facchinetti: l’ex docente (ora in pensione) Silvio Giamboni. 

 

I diari di viaggio di Giacomo Facchinetti sono stati raccolti e curati da Silvio Giamboni nel volume monografico della testata Arte e Storia, pubblicata dalla casa editrice Ticino Management (Lugano), intitolato: “Un globetrotter del Malcantone. Giacomo Facchinetti da Curio”.

Un globetrotter del Malcantone. Giacomo Facchinetti da Curio

 

 

Seguici con