Il boom del campeggio - La moda del glamping

Paola Santangelo e Mariano Snider

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Per i campeggi della Svizzera italiana la stagione estiva è iniziata alla grande: boom di prenotazioni, notevole afflusso di turisti e tutto esaurito. Anche quest’anno insomma, sembra ripetersi il successo del 2020, quando è stata la performance dei campeggi, con una domanda in forte aumento, a contenere i danni per l’intero settore. A sud delle Alpi sono dunque arrivati in tanti, in particolare dalla Svizzera tedesca e soprattutto in camper o in minivan. Ad essere invase anche le aree di sosta, gli unici spazi dove è possibile pernottare in alternativa al campeggio. E non sempre i comuni che gestiscono le aree si sono fatti trovare preparati. Il campeggio, in ogni caso, non corrisponde più all’idea di un accampamento tradizionale. Anzi. Anche qui ci sono mode e tendenze, una in particolare: il  “glamping”, un campeggio che punta ad un maggior comfort. Anche i contadini hanno fiutato l’affare e offrono ai camperisti soggiorni in fattoria. Falò scopre e mostra le nuove tendenze, fotografando un’estate che, nonostante la pandemia, sembra essere partita bene.

Ospite Simone Patelli, presidente dell’Associazione campeggi ticinesi.

 

www.facebook.com/RSIFalo