(keystone)

Le morti solitarie della pandemia

Sarah Ferraro e Lorenzo Cappon

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Ospedali sotto pressione 

Gli ospedali ticinesi sono confrontati con la seconda ondata della pandemia. Come stanno affrontando la situazione? Per capirlo siamo stati alcuni giorni alla Carità di Locarno, dove è ricoverata la maggior parte dei pazienti Covid. I numeri per ora descrivono una situazione di grande impegno, ma che sembra meglio gestibile rispetto alla primavera scorsa. Come si è raggiunto questo risultato? Merito dei progressi della medicina o dell’organizzazione del lavoro? E a proposito di lavoro, come reggono la pressione medici e infermieri? Un reportage dalla prima linea della lotta al Covid, anche per capire quale potrebbe essere l’evoluzione delle prossime settimane.

Ospite in studio Giuseppe Allegranza, viceprimario dell’Ospedale La Carità di Locarno e Giorgio Merlani, medico cantonale. 

Le morti solitarie della pandemia

Per un malato il conforto e il sostegno dei parenti sono fondamentali. Durante una pandemia questo principio va in crisi. Per evitare la diffusione del contagio i pazienti vengono isolati e se la loro situazione si aggrava le cose si fanno ancora più difficili. Così, la primavera scorsa, ci sono state persone che sono morte in solitudine, senza rivedere i loro cari. Una situazione straziante, che ha segnato chi è rimasto. Cosa è cambiato negli ultimi sei mesi?

Forum Falò email www.rsi.ch/falo

SMS al numero 955 con parola chiave falo

www.facebook.com/RSIFalo