Patti Chiari

Farmaci a peso d'oro / L'altra faccia della bionda elettronica

Puntata del 9.05.2014

venerdì 09/05/14 21:05 - ultimo aggiornamento: giovedì 16/07/15 11:01

FARMACI A PESO D’ORO - Di Federica Bonetti e Fabio Pellegrinelli

Si chiamano Avastin, Revlimid, Trisenox o Zoladex  sono fra i farmaci oncologici più noti ed efficaci. Ma c’è un problema: costano un patrimonio. Anche 3000 franchi per una sola infusione di pochi milligrammi. Cifre da capogiro perché le cure sono spesso molto lunghe e le fatture stratosferiche. Com’è possibile? Cosa c’è dietro questi prezzi? Si giustificano? E chi li stabilisce? Vi mostreremo come fanno le case farmaceutiche a vendere i loro medicinali a peso d’oro e quali sono i criteri utilizzati dall’Ufficio federale della sanità pubblica per fissare i prezzi. Trucchi e meccanismi che pesano sui costi sanitari e che suscitano molte perplessità. Perché se è vero che nella cura dei tumori sono stati fatti passi da gigante, è anche vero che le critiche sui prezzi dei preparati si moltiplicano, anche nella Svizzera italiana. A Patti chiari le testimonianze e gli interrogativi di medici e pazienti e le risposte delle case farmaceutiche. E voi cosa ne pensate? Se avete delle esperienze da raccontarci, fatecelo sapere.

 

Prese di posizione:

F.HOFFMANN-LA ROCHE AG -per AVASTIN

MEPHA -per TRISENOX  

 

L’ALTRA FACCIA DELLA “BIONDA” ELETTRONICA - Produzione SRF/Kassensturz

Ce ne eravamo occupati esattamente un anno fa quando era scoppiato un vero e proprio boom. Stiamo parlando della sigaretta elettronica. Funziona senza combustione, non sviluppa le migliaia di sostanze tossiche che si sprigionano dalla sigaretta tradizionale e non produce catrame per buona pace dei nostri polmoni. Ma è davvero così? La bionda elettronica è esente da ogni pericolo? Abbiamo testato 10 liquidi contenenti nicotina fra i più svapati in Svizzera, ma acquistati su internet perché da noi la vendita è vietata. E i risultati sono sorprendenti. Nel vapore inalato con la sigaretta elettronica, un laboratorio specializzato belga ha scovato formaldeide e altre sostanze nocive, addirittura cancerogene. Le stesse sostanze che si ritrovano nelle normali sigarette. Certo le quantità sono decisamente inferiori. Ma questo test solleva nuovi interrogativi, anche perché si è sempre in attesa di studi di lungo termine non solo sui rischi sanitari, ma anche sulla reale efficacia della sigaretta elettronica per smettere di fumare. Intanto in Svizzera è in arrivo una nuova legge che potrebbe aprire le porte alla vendita del liquido con nicotina. E allora sì o no alla sigaretta elettronica? Deve essere con o senza nicotina? A Patti chiari faccia a faccia fra favorevoli e contrari e in anteprima i risultati di uno studio pilota.

SITO DI HELVETICVAPE

SITO ASFE Associazione svizzera fumo  

SITO DEL MEDICO CANTONALE

SITO DELL'UFFICIO FEDERALE DELLA SANITA' PUBBLICA

TABELLA TEST SIGARETTE ELETTRONICHE

 

Ogni domenica in prima serata: Storie

In onda
  • LU
  • MA
  • ME
  • GI
  • VE
  • SA
  • DO
21:10
Seguici con