(RSI)

18enni indebitati

Puntata del 26.09 - Sì, perché invece della tanto attesa indipendenza, ha ottenuto un’inaspettata dipendenza…

venerdì 26/09/14 14:52 - ultimo aggiornamento: martedì 14/10/14 17:06

“Fa male”. Questo è ciò che prova un giovane che ha dovuto ingoiare il boccone amaro della maggiore età. Sì, perché invece della tanto attesa indipendenza, ha ottenuto un’inaspettata dipendenza… dai debiti. Precetti e pignoramenti scoperti quando ha compiuto 18 anni e di cui non sapeva nulla.

Debiti contratti dai genitori a nome dei loro figli minorenni e nonostante ciò permessi dall’attuale sistema. Gli uffici di esecuzioni e fallimenti del Cantone non fanno da filtro, le grandi ditte come Swisscom hanno regole interne che permettono di rendere vincolante la firma di un bambino e le casse malati impiegano mesi e mesi per risolvere una situazione di doppia affiliazione che provoca, anche questa, dei debiti.

E’ quello che è successo a Anna che si è ritrovata sommersa dai debiti contratti dalla madre. I primi già a partire dagli 11 anni con tanto di attestati di carenza beni emessi a suo nome non appena è diventata maggiorenne. Un caso che non è isolato. Insomma i figli pagano per le colpe dei genitori. Giovani che, una volta scoperta l’amara realtà, si ritrovano a combattere contro i debiti e rischiano di venirne travolti.

E così si rivolgono a Patti chiari per raccontare la loro odissea, che vi raccontiamo in quest'inchiesta.

 

PRESA_DI_POSIZIONE_ARCOSANA SA

PRESA DI POSIZIONE DSS  

Chicago Fire

In onda
  • LU
  • MA
  • ME
  • GI
  • VE
  • SA
  • DO
21:10
Seguici con