(iStock)

Fenomeno vitamina D

Servirebbe a prevenire coronavirus tumori e malattie cardiovascolari. Cosa c’è di vero?

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La pandemia l’ha fatta conoscere al grande pubblico. La vitamina D secondo alcune teorie aiuterebbe a prevenire, qualcuno dice a combattere, il coronavirus. Non si tratta certo di una sostanza nuova.

È naturale, costa poco, non ha praticamente effetti collaterali. Nel recente passato, la vitamina D ha alimentato molte speranze per la prevenzione e la cura di tumori, disfunzioni cardiovascolari, di diverse malattie autoimmuni e dell’Alzheimer. Insomma, stando alle visioni più entusiaste una vera e propria panacea. Ma è veramente così? O rischia di essere solo una grande illusione?

Patti chiari ha indagato, raccogliendo e mettendo a confronto le testimonianze di pazienti, medici e scienziati. Abbiamo spulciato gli studi più seri e recenti. E non è tutto. Siamo anche andati in incognito nelle farmacie della Svizzera italiana, dove negli ultimi mesi sono spuntati i test rapidi per la misurazione della vitamina D. Una novità, alle nostre latitudini. Ma i risultati saranno affidabili come promettono?

 

 

 

 

Condividi
Commenti
Commenti
I più votati
3 nuovi commenti
3 nuovi commenti
3 nuovi commenti
3 nuovi commenti